Caradisiac® utilise des traceurs (cookies et autres) pour assurer votre confort de navigation, pour réaliser des statistiques de visites ainsi que pour vous proposer des services et des publicités ciblées adaptés à vos centres d’intérêts. En poursuivant votre navigation, vous en acceptez l'utilisation. Pour plus d’informations et paramétrer vos traceurs : En savoir plus

 
Publi info
 

Triumph Only Karting : Maxencemax69 Histoires du sport automobile : klot, GALLOPER, Fanderallyes
Ajouter une réponse
 

     
  Aller à la page :
Vider la liste des messages à citer
 
 Page :
1  ...  900  1000  1100  1200  1300  1400  1500  1600  1700  1800  1900  1910  1920  1930  1940  1950  1951  1952  1953
100  200  300  400  500  600  700  800  ...
Dernière Page
Page Suivante
Page Précédente
Première Page
Auteur
 Sujet :

Sujet officiel

TARGA FLORIO E LE CORSE SICILIANE

Prévenir les modérateurs en cas d'abus 
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 09/01/2020 à 09:42:42  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Publicité
Reprise du message précédent :

spazzaneve a écrit :


Sto seriamente valutando di abbonarmi ed iniziare la costruzione del modello.
D'altronde come si fa a rinunciare ad una GTO lunga 55 cm?
Osservando i fogli pubblicitari condivido le perplessità di Gianni, tuttavia penso che con un accurato uso del pennarello Molotow e del Bare Metal si possa ovviare su molti dettagli da far risultare cromati e non argentati. I cerchi li lascerei così come sono, visto che appaiono più vicini a quelli degli anni '60, rispetto a quelli, lucidissimi, che si vedono sulle GTO attualmente esposte dai possessori.
Quello che veramente mi disturba è la superficialità e grossolanità con cui è stata realizzata la cornice dei proiettori, che su un modello di questa scala andava assolutamente riportata in metallo lucido con tanto di viti da avvitare. Questo è un dettaglio che non intendo trascurare perchè la finitura dei fari anteriori è un particolare assolutamente qualificante per una corretta riproduzione di una GTO.
Quanto ai problemi di spazio ricordo a Nino un antico adagio siciliano: "A casa cape quantu vole u patrune"! :lol: :lol:
Afficher plus
Afficher moins



appunto ...
nino

Sujets relatif

Sujets relatifs
50 ans de Tour de Corse (1956-2006) TOUR DE CORSE HISTORIQUE [topic officiel]
Plus de sujets relatifs à : TARGA FLORIO E LE CORSE SICILIANE

Profil : Pilote assidu
tritone
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 11/01/2020 à 20:18:05  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 




ATF67Voir l'image en grand0 vote


ATF 64 Gerry GrantATF 64 Gerry GrantVoir l'image en grand0 vote




ATF107ATF107Voir l'image en grand0 vote





ATF 64 CobraATF 64 CobraVoir l'image en grand0 vote

Profil : Pilote assidu
tritone
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 11/01/2020 à 20:47:53  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 


Ammirando la splendida realizzazione di Enzo riguardante la Porsche 910 di Bernd Becker e leggendo pure le sue righe su quella che è stata la (pure sua) magnifica MPH, non posso tacere che quella manifestazione è stata qualcosa di veramente straordinario che, al momento in cui l'abbiamo (tutti) vissuta da spettatori e da concorrenti, comprendevamo essere una occasione di cui avremmo avuto rimpianto se - o per motivi personali - o per motivi (poi purtroppo avveratisi) organizzativi - non fosse stata più in essere.

Come è un pò il destino delle cose "troppo" belle", almeno al momento, la MPH non è più.
Al di là dei motivi - che saranno sicuramente validi e legittimi - che non hanno consentito la prosecuzione di questo (grande) evento, resta in me il ricordo di una esperienza straordinaria che mi ha permesso di potere percorrere il tracciato che porta al Santuario della "Santuzza" e il nastro di asfalto della pista di Pergusa, portatori di storia e gloria del motorsport non solo isolano.

Di questa grande opportunità tengo ancora a ringraziare quel grande appassionato che è il nostro amico Enzo.

La sua generosità lo porta a creare quelle opere d'arte che sono i suoi modelli, come quello splendido della Porsche di Bernd, che ho avuto - sempre grazie ad "Enzomanz" - la fortuna di conoscere e averlo a Caltanissetta per la mia "CL Classica" del 2015.

Anche questa esperienza al momento si trova in "stand by" .

Speriamo che in futuro qualcosa possa riprendere il giusto corso.

Per intanto : Grazie Enzo.



Ashley 750 Sport a MPH 2015Ashley 750 Sport a MPH 2015Voir l'image en grand0 vote



Modello realizzato da Enzo ManzoModello realizzato da Enzo ManzoVoir l'image en grand0 vote

Publicité

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 13/01/2020 à 20:36:48  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Nessuno aveva mai visto la SPA vincitrice della Targa Florio 1909 a colori..., e nemmeno io !

Ma poichè avevo da sempre programmato di realizzare tutti i modelli delle vetture vincitrici (me ne mancano una decina), dopo quelle del 1906-07 e 08, toccava al 1909 e alla Spa del barone Ciuppa, primo siciliano a vincere la Targa Florio.
Una delle Targhe "anomale" con quelle della Favorita, o quella del '36 per vetture Turismo, o quella di regolarità su 2 giri del Piccolo (144 km), questa si disputò su un solo giro del Grande (148 km) e con la sola presenza di piloti siciliani a causa della recente tragedia di Messina.
Vi partecipò per far numero anche Don Vincenzo, che poichè era anche un buon manico, ebbe a quanto pare la delicatezza di lasciar vincere Ciuppa inventandosi una improvvisa fermata che lo relegò al secondo posto.

Pochissime e confuse foto in B/n di 110 anni fa, così ne è scaturito più un lavoro di intuito che strettamente documentale.



1909 Ciuppa  SPA 5Voir l'image en grand0 vote

1909 Ciuppa  SPA 3Voir l'image en grand0 vote
TARGA FLORIO 1909 - Francesco Ciuppa su SPA 28/40 hp

Nessuno aveva mai prodotto tale modellino, ed allora l'ho semicostruito utiliizzando vari pezzi opportunamente modificati per ottenere un qualcosa il più possibile somigliante alla realtà, compreso un inusuale equipaggio a tre per una delle edizioni più brevi della corsa.



spa ciuppa 021Voir l'image en grand0 vote


spa ciuppa 020Voir l'image en grand0 vote


spa ciuppa 018Voir l'image en grand0 vote


spa ciuppa 017Voir l'image en grand0 vote


spa ciuppa 016Voir l'image en grand0 vote


spa ciuppa 013Voir l'image en grand0 vote

 :jap:
Message cité 3 fois
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 14/01/2020 à 10:04:58  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
lavoro carino e molto naif.
nino

Publicité

... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 14/01/2020 à 20:53:49  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :


Wolfgang Alexander Albert Eduard Maximilian Reichsgraf Berghe von Trips
Afficher plus
Afficher moins



Dopo averlo visto in gara ho avuto la fortuna di viaggiare con sul "postale" (la nave che collegava Palermo con Napoli) di
ritorno dalla Targa Florio. Un grandissimo signore, sorridente e pronto a conversare anche con i ragazzini.


Un ricordo stupendo, alla Targa i piloti erano tra di noi e noi tra i piloti... struggente.




8.58e3e-36


http://www.targapedia.com/albu​m_targa_florio/1948_1968/1958/​TARGA%20FLORIO%201958%20-%20FE​RRARI/slides/102%20Ferrari%202​50%20TR%20W.Von%20Trips%20-%20​M.Hawthorn%20(1).jpg
http://www.targapedia.com/albu​m_targa_florio/1948_1968/1958/​TARGA%20FLORIO%201958%20-%20FE​RRARI/slides/102%20Ferrari%202​50%20TR%20W.Von%20Trips%20-%20​M.Hawthorn%20(20).jpg
von Trips e la Targa Florio 1961
Il 30 aprile 1961 si corre la 45° Targa Florio sul piccolo circuito delle Madonie di 72 km, 10 i giri da percorrere per un totale di 720 km. Si attendeva in questa 45 Targa il duello tra Ferrari e Porsche con tutti i crismi della spettacolarità e dell’incertezza del risultato. Infatti il tortuoso tracciato Madonita con le sue numerosissime curve appiattiva i livelli in campo pareggiando la straripante potenza Ferrari con l’altissima maneggevolezza delle piccole Porsche fino allora umiliate dalle vetture di Maranello su tutti i veloci circuiti sui quali si erano disputate le precedenti sfide. La Porsche teneva in modo particolare alla Targa e si presentò con uno squadrone di ben cinque macchine ufficiali due GT e tre Sport, queste ultime furono affidate a tre coppie di indiscussi campioni: Hermann-Barth, Bonnier-Gurney, Moss-Graham Hill. La Ferrari rispondeva con tre vetture le due nuove 246 Spot affidate a Phil Hill- Gendebien, Von Trips-Ginter, più una 250 TR modello 61 per Mairesse-Ricardo Rodriguez. A far da terzo incomodo una schiera di Maserati con gli equipaggi più rappresentativi composti da Vacarella-Trintignant e Maglioli-Scarlati.

von-Trips-​Targa-Flor​io-1961-Fe​rrari
Alle 7 di mattina presero il via i 54 concorrenti iscritti, con Moss su Porsche che si porta subito in testa. Il primo giro si concludeva con Moss primo, Bonnier sempre su Porsche secondo, seguito da von Trips Ferrari e con Vaccarella quarto su Maserati. Al terzo giro i primi ritiri importanti, la Ferrari 250 TR/61 pilotata da Mairrese forava il serbatoio, mentre Phil Hill alle porte di Collegano usciva di strada con la Ferrari 246 e anche per lui fu l’inevitabile ritiro. Per volere del direttore sportivo Tavoli sulla Ferrari, fino ad allora guidata da von Trips e saldamente al secondo posto, saliva invece del predestinato Ginger, l’appiedato Gendebien. Graham Hill prendeva il posto di Moss sulla Porsche di testa, i due freschi piloti ingaggiarono una bella battaglia che portava Gendebien e la sua Ferrari a raggiungere e superare la Porsche. Poi venne la sosta anche per Graham Hill che cedette posto e volante a Moss, l’asso inglese cominciò a tirare come un forsennato ed a mangiare metri su metri alla Ferrari di Gendebien, il quale ingannato forse da una errata segnalazione si fermava in prossimità di Polizzi per un rabbocco di benzina assolutamente inutile che gli faceva perdere più di un minuto.

von-Trips-​su-Ferrari​-alla-Targ​a-1961Moss così passava al comando e sembrava fatta per la Porsche tanto più che la Ferrari avrebbe dovuto fermarsi per cambiare gomme e pilota, mentre Moss sarebbe andato dritto fino alla fine. Per la galoppata finale sulla Ferrari inseguitrice saliva von Trips che cominciò una furiosa rimonta, le segnalazioni che giungevano a Moss indicavano che von Trips incalzava pericolosamente. Moss allora spinse il piede sull’acceleratore della sua Porsche sollecitandola al massimo, e dando vita a uno dei più memorabili duelli vissuti dalle strade della Targa, ma il cambio cedette di schianto appiedando Moss e lasciando così via libera alla Ferrari che andò a vincere in 6h57’39 alla media di 103.433 km/h, secondi Bonnier-Gurney Porsche a quasi cinque minuti, terzi Hermann-Barth sempre su Porsche, quarti Vaccarella-Trintignant su Maserati. Contrariamente a quanto avvenuto nei precedenti anni non si era assistito al lento stillicidio di pubblico che lentamente di dileguava durante gli ultimi giri. Questa volta la gente era rimasta ancorata ai margini del tracciato entusiasmata dal duello tra due mostri di bravura quali Moss e von Trips che avevano tenuto vivo fino all’ultimo l’esito di questa Targa.
Classifica Finale
1° Von Trips – Gendebien su Ferrari 246 Sport in 6h57’39 media 103,433 km/h
2° Bonnier – Gurney su Porsche in 7h02’03
3° Hermann – Barth su Porsche in 7h14’14
(TargaFlorio.net)

Taffy von Trips
“Taffy” era il diminutivo con cui lo aveva soprannominato Hawthorn. Nel 1957 viene assunto dalla Ferrari, in un’annata di certo non buona, segnata in particolare dalla partenza di Fangio. Riesce ad ottenere proprio all’ultima gara i suoi primi punti iridati, con un terzo posto.

von-Trips-​e-Hawthorn​-Traga-Flo​rio-1958-s​u-Ferrari-​404x270Anche nel 1958 il pilota tedesco rimane alla guida della Ferrari, in un anno tragico, in cui perdono la vita Musso e Collins. Migliora i suoi risultati, ma per varie cause non disputa tutti i GP.
Il 1959 è un anno travagliato, che si conclude senza punti iridati. Nel 1960 von Trips conquista dieci punti, collezionando una serie di quinti posti, sempre in Ferrari (se si esclude l’ultima gara, negli Usa, disputata in Cooper).
Nel 1961 von Trips stupisce in fatto di risultati, vincendo in Olanda e in Belgio e arriva alla gara di Monza con alcuni punti di vantaggio sul compagno di squadra Phil Hill. Ma a Monza durante la disputa del Gran Premio d’Italia 1961: nel primo giro c’è una collisione con Jim Clark alla staccata della parabolica. La vettura di von Trips esce di pista e vola contro le reti di protezione, dietro le quali erano accalcati numerosi spettatori. Oltre al pilota, perdono la vita 14 persone.
La Ferrari, non parteciperà per lutto agli ultimi due gran premi, visto che ormai, dopo la vittoria della gara di Monza, Hill è matematicamente campione del mondo.

Quello di Monza è, a tutt’oggi, il più grave incidente nella storia del Campionato Mondiale di Formula 1, ed è stato il primo ad essere trasmesso in televisione.
Le auto con cui ha corso Taffy
1956 Scuderia Ferrari Lancia-Ferrari D50
1957 Scuderia Ferrari Lancia-Ferrari D50A
1957 Scuderia Ferrari Ferrari 801
1958 Scuderia Ferrari Ferrari Dino 246
1959 Porsche KG Porsche 718 F2
1959 Scuderia Ferrari Ferrari Dino 246
1960 Scuderia Ferrari Ferrari Dino 246
1960 Scuderia Ferrari Ferrari Dino 246P F2
1960 Scuderia Centro Sud Cooper T51
1961 Scuderia Ferrari Ferrari 156


---------------
beppe 45
Profil : Vétéran confirmé
spazzaneve
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 15/01/2020 à 22:33:54  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :

Nessuno aveva mai visto la SPA vincitrice della Targa Florio 1909 a colori..., e nemmeno io !

Ma poichè avevo da sempre programmato di realizzare tutti i modelli delle vetture vincitrici (me ne mancano una decina), dopo quelle del 1906-07 e 08, toccava al 1909 e alla Spa del barone Ciuppa, primo siciliano a vincere la Targa Florio.
Una delle Targhe "anomale" con quelle della Favorita, o quella del '36 per vetture Turismo, o quella di regolarità su 2 giri del Piccolo (144 km), questa si disputò su un solo giro del Grande (148 km) e con la sola presenza di piloti siciliani a causa della recente tragedia di Messina.
Vi partecipò per far numero anche Don Vincenzo, che poichè era anche un buon manico, ebbe a quanto pare la delicatezza di lasciar vincere Ciuppa inventandosi una improvvisa fermata che lo relegò al secondo posto.

Pochissime e confuse foto in B/n di 110 anni fa, così ne è scaturito più un lavoro di intuito che strettamente documentale.



http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/targ​a-2157/pho​to/1909-ci​uppa-spa-8​203681.htm​l

http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/targ​a-2157/pho​to/1909-ci​uppa-spa-8​203680.htm​l
TARGA FLORIO 1909 - Francesco Ciuppa su SPA 28/40 hp

Nessuno aveva mai prodotto tale modellino, ed allora l'ho semicostruito utiliizzando vari pezzi opportunamente modificati per ottenere un qualcosa il più possibile somigliante alla realtà, compreso un inusuale equipaggio a tre per una delle edizioni più brevi della corsa.



http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-02​1-8203676.​html


http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-02​0-8203675.​html


http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-01​8-8203674.​html


http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-01​7-8203673.​html


http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-01​6-8203672.​html


http://clu​b.caradisi​ac.com/sho​rtleg/mode​llini-2550​/photo/spa​-ciuppa-01​3-8203671.​html

 :jap:
Afficher plus
Afficher moins




la vedo adesso...quando si dice lavorare con la fantasia!
Bravo Pino!

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 19/01/2020 à 12:24:22  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Publicité
Con un'ottimo diecast Model Box, anche se di colore rosso, realizzare la Ferrari 275 GTB di Marchesi-Sinibaldi alla Targa del '66 non è stato per nulla difficile.



GTB marchesi modelboxVoir l'image en grand0 vote

Vettura che ottenne il 26° assoluto ad un giro dai vincitori e corse anche la successiva edizione senza fortuna.

1966 ferr marchesi-sinibaldiVoir l'image en grand0 vote
TARGA FLORIO 1966 - Ferrari 275 GTB - Marchesi-Sinibaldi

Sostituzione dei fari con relative calotte - sostituzione ruote - cromatura delle cornici - roll bar e piccole rifiniture varie oltre alla totale riverniciatura in silver.


GTB marchesi 015Voir l'image en grand0 vote


GTB marchesi 014Voir l'image en grand0 vote


GTB marchesi 013GTB marchesi 013Voir l'image en grand0 vote


GTB marchesi 012Voir l'image en grand0 vote


GTB marchesi 011Voir l'image en grand0 vote

 :hello:

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 19/01/2020 à 17:59:35  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Nel '66 erano presenti due esemplari di Ferrari 275 GTB: una in categoria GT (Marchesi-Sinibaldi), l'altra tra le sport prototipo (Conti-Venturi).
Le ho volute raffigurare accanto in una ipotetica sosta ai box durante le prove

gtb box 001Voir l'image en grand0 vote


gtb box 002Voir l'image en grand0 vote


gtb box 003Voir l'image en grand0 vote

 :jap:

... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 20/01/2020 à 19:25:15  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :


SESTO LEONARDI

 :jap:
Afficher plus
Afficher moins



La testimonianza di un'epoca quando era possibile costruire anche automobili in grado di vincere la Targa Florio e la 1000 Miglia


apertura_F​iatPatriar​ca_fronte_​04-800x445
Patriarca Leonardi


All’asta da Sotheby’s l’unica Fiat-Patriarca 750 Berlinetta Sport Faina


18 Dicembre 2018 675 Views

Costruita da Rodolfo Patriarca in un unico esemplare nel 1949, la Berlinetta ha trionfato alla Mille Miglia del 1950. La carrozzeria, realizzata dall’officina Faina di Roma, è quasi interamente in alluminio
by Giuseppe Giordano
Lo scorso 24 agosto, all’asta di auto storiche che RM Sotheby’s organizza durante ogni anno durante la Monterey Car Week (California), è stata presentata una rara automobile da competizione realizzata artigianalmente e quasi interamente in alluminio. Si tratta della Fiat-Patriarca 750 Berlinetta Sport Faina, una vettura costruita nel 1949 in esemplare unico da Rodolfo Patriarca per il gentleman driver Sesto Leonardi, appassionato pilota delle gare su strada allora molto in voga in Italia. Tra queste si collocano quali eccellenze la Mille Miglia e la Targa Florio, entrambe corse con ottimi risultati da questa vettura. Ad esempio, nella Mille Miglia del 1950, Leonardi e Properzi alla guida della berlinetta vinsero la classifica di categoria e terminarono al ventiquattresimo posto della classifica globale, con una velocità media superiore a 105 Km/h!
Quello che colpisce nell’esaminare le caratteristiche tecniche di questa vettura è la capacità ingegneristica di Rodolfo Patriarca, che sapeva sfruttare telai e motori normalmente destinati ad automobili di serie con prestazioni ben lontane da quelle offerte dalla Berlinetta. Quest’ultima, infatti, nasce dal telaio della Fiat 500 C , nota come Topolino, e il motore è frutto di elaborazione da parte di un’officina famosa quale la Giannini di Roma. Un fondamentale aiuto al raggiungimento delle prestazioni da gara è dato dalla leggera carrozzeria in alluminio approntata nell’officina romana di Mario Faina, già creatore di analoghe carrozzerie sportive. L’alluminio non è presente nella sola carrozzeria ma anche nel motore Giannini che monta una “Testata Marino” realizzata in alluminio presso l’officina torinese di Marino Brandoli, produttore di parti di elaborazione di motori Fiat. Spesso in diverse parti del motore venivano utilizzate leghe di alluminio anche di tipo aeronautico quali l’Ergal (oggi 7075). Il motore Giannini elaborato per la Berlinetta erogava all’epoca 81 hp, da paragonare ai soli 16,5 hp della “Topolino” di serie con motore non elaborato. Il disegno della carrozzeria in alluminio è molto semplice, per evitare piegature difficili sull’esterno (Figura 1). L’allestimento interno è spartano, ma volante e strumentazione hanno un grande fascino “vintage”. Le immagini ricordano un’altra automobile nata più o meno nello stesso periodo (e con tutt’altri scopi!) con molte parti di carrozzeria in alluminio: si tratta della prima Land Rover con pannelli in lega leggera, famosa auto da lavoro e non certo auto per correre (Figura 5).
L’asta di Monterey ha presentato splendide vetture degli anni ‘50 e ‘60. Alcune Ferrari, Maserati e Mercedes hanno raggiunto quotazioni milionarie, con il record di un raro esemplare di Ferrari 250 GTO (1962) battuto a oltre 48 milioni di dollari. La berlinetta non ha raggiunto questi livelli ma si attestava su una base d’asta di 250.000 dollari, che non è poco per quello che potrebbe apparire solo come una Topolino elaborata ed è invece un esempio dell’elevato livello dell’artigianato italiano nel settore dell’automobile.


---------------
beppe 45
Profil : Pilote assidu
tritone
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 22/01/2020 à 07:31:53  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 



ATF 67 206ATF 67 206Voir l'image en grand0 vote


ATF 67 boxATF 67 boxVoir l'image en grand0 vote


ATF 67 ChapATF 67 ChapVoir l'image en grand0 vote


ATF 67 chap1ATF 67 chap1Voir l'image en grand0 vote


ATF 67 Chap2ATF 67 Chap2Voir l'image en grand0 vote


ATF 67 GekyATF 67 GekyVoir l'image en grand0 vote


ATF 67 pitATF 67 pitVoir l'image en grand0 vote


ATF 67 TVATF 67 TVVoir l'image en grand0 vote


ATF 67ATF 67Voir l'image en grand0 vote


ATF MitterATF MitterVoir l'image en grand0 vote




Profil : Pilote assidu
tritone
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 22/01/2020 à 07:56:01  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

ATF70ATF70Voir l'image en grand0 vote


ATF 1967 LatteriATF 1967 LatteriVoir l'image en grand0 vote

Profil : Vétéran confirmé
spazzaneve
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 22/01/2020 à 17:46:44  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Desidero segnalarvi il libro "Ignazio Giunti un pilota, un'epoca" che ho appena acquistato presso la Libreria dell'Automobile.
Si tratta di una pubblicazione di circa 200 pagine con numerosissime foto a colori e in b/n, alcune delle quali assolutamente inedite.
L'autore è Vittorio Tusini Cottafavi, nipote di Ignazio, figlio della sorella Anna Maria.
Dalle prime letture ho ricavato un'impressione estremamente positiva e penso che in breve lo leggerò dalla prima all'ultima pagina.
Si tratta di un ritratto completissimo del pilota scomparso a Buenos Aires nel 1971.
L'autore dimostra un'assoluta conoscenza delle cronache e dei fatti dell'epoca e riporta testimonianze di episodi significativi dell'esistenza di Ignazio.
Non mancano lunghi ed entusiastici riferimenti alla Targa Florio, corsa dove Giunti ebbe modo di dimostrare tutte le sue eccellenti capacità di pilota.
Davvero un libro imperdibile per ogni appassionato di automobilismo!
Come si può notare la tinta dominante della pubblicazione è il verde scuro, colore del casco di Ignazio.



IMG_8497Voir l'image en grand0 vote

IMG_8496Voir l'image en grand0 vote

IMG_8498Voir l'image en grand0 vote

IMG_8499Voir l'image en grand0 vote
Message édité par spazzaneve le 22/01/2020 à 22:15:54
Publicité

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 23/01/2020 à 14:03:38  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Portare al traguardo la vettura indenne alla Targa era impresa ardua anche per i piloti più esperti...

Nel '58 la TR di Von Trips-Hawthorn perse il secondo posto assoluto per questa brutta toccata che comunque non impedì di terminare sul podio.



1958 ferr VonTrips-Hawt 3Voir l'image en grand0 vote

La mia riproduzione in miniutura, partendo da una base Progetto K, vuole ricordare quell'episodio.


TR 58 prog KVoir l'image en grand0 vote

Molte le modifiche a questa base, a cominciare dal posteriore a coda per aria... che ho riportato in buona parte ad allineamenti più realistici
intervenendo anche sulla parte terminale posteriore della carrozzeria, limata e rastremata verso il basso.
L'alloggiamento incassato del tappo benzina sul poggiatesta; la sostituzione del parabrezza esageratamente basso; nuovo tonneau cover e volante a 4 razze.
Prese d'aria anteriori e aeroscreen aggiuntivo dietro il nuovo parabrezza.
Infine danneggiamento dovuto all'urto in gara


tr von trips 010Voir l'image en grand0 vote


tr von trips 011Voir l'image en grand0 vote


tr von trips 012Voir l'image en grand0 vote


tr von trips 013Voir l'image en grand0 vote

Talvolta rovinare un modello (che per fortuna era in resina) forse ne vale la pena...

 :hello: (lo sminchiamodelli...)

Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 23/01/2020 à 15:54:57  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
3940Voir l'image en grand0 vote

P1030265bnVoir l'image en grand0 vote
divagazioni al 76esimo !!!!!!!!!!!
nino
Message cité 1 fois
Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 23/01/2020 à 17:47:35  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
BELLISSIMO !
Message cité 2 fois
Profil : Vétéran
fofaus
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 23/01/2020 à 19:15:06  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Beh, complimenti ad entrambi


---------------
Felice modellismo a tutti
Profil : Pilote semi-pro
  1. homepage
targapedia
Sport - succès or messages
  1. Posté le 24/01/2020 à 13:36:05  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 




Complimenti Ninuzzo !
Ce lo mostri anche a colori e ci racconti il wp ?
Grazie
Enzo


---------------
Enzo, papà della Monte Pellegrino Historics
WWW.TARGAPEDIA.COM
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 24/01/2020 à 17:05:07  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
premetto che il lavoro non sia finito (oltre a qualche finitura). Sono disponibili da OXFORD DIECAST il furgone e le Mini, quest'ultime con altra decorazione. Le mie si riferiscono alla MARATHON de la ROUTE del 1967 che si svolse interamente al Nurburgring per 84 ore di gara. Non è stato facile asportare le decals originarie ... ho rovinato un tettuccio ed ho dovuto riverniciarli in entrambe le vetturette. Ho realizzato una miriade di particolari (i ganci cofano sono necessariamente in decals come i gruppi ottici post.) impensabili per la scala. Il diorama prevede anche la MGB iscritta dalla stessa BMC e dei figurini. Ringrazio Enzo del suo intervento chiedendomi di completare il post (normali perplessità per lo OT). Gli interni del furgone sono completamente rifatti.
nino
Message édité par antonino4 le 24/01/2020 à 17:06:16
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 24/01/2020 à 17:14:57  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
P1030262Voir l'image en grand0 vote

P1030263Voir l'image en grand0 vote

P1030266Voir l'image en grand0 vote

P1030100Voir l'image en grand0 vote

P1030145Voir l'image en grand0 vote

P1030180Voir l'image en grand0 vote
nino

Profil : Vétéran confirmé
spazzaneve
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 25/01/2020 à 10:04:56  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Bravi Pino e Nino...bei lavori entrambi!! :jap: :jap: :love: :love:
Io navigo attualmente in acque lontane dalla Targa:

IMG_8466Voir l'image en grand0 vote
Mclaren Honda MP4/6 1991, Tamiya 1/12.
Ve la mostrerò a lavori ultimati.

Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 25/01/2020 à 10:51:14  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
stranamente, il furgone presenta nel die-cast il volante dal lato sbagliato. ho dovuto spostare a destra come vero, assemblare un volante fotoinciso (FDS) con corona in filo di rame ed anche ribaltare la separazione dell'abitacolo.
nino

... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 25/01/2020 à 16:48:20  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :

PER SOGNARE BASTAVA LA MINI
Afficher plus
Afficher moins



ESPA+Minim​ach+Targa+​Florio+1

ESAP+Minim​ach+Targa+​Florio+2

http://mk1-performance-convers​ions.co.uk/images/targa_kar_4.​jpg





154 Austin Mini Cooper B-Cahier - R-SlotemackerVoir l'image en grand0 vote


Mini Cooper alla Targa 2Mini Cooper alla Targa 2Voir l'image en grand0 vote



john-whitm​ore-paul-f​reres-aust​in-mini-co​oper-twini​-in-the-ta​rga-florio​-dh5tc3

Message édité par beppe45 le 26/01/2020 à 09:21:31

---------------
beppe 45
Profil : Vétéran confirmé
targa-43
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 26/01/2020 à 10:19:34  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Ferrari GTO 1-8  Centauria   2-1-2020   (2)Ferrari GTO 1-8  Centauria   2-1-2020   (2)Voir l'image en grand0 vote

Con la seconda uscita (in ritardo di una settimana) il cruscotto della GTO

Di ottima fattura, onestamente d'impatto emozionale. Ben riprodotti nella grafica. :love:


cruscotto Ferrari GTO  (1)cruscotto Ferrari GTO  (1)Voir l'image en grand0 vote

Però penso che le cornici della strumentazione siano gli unici elementi cromati di questo modello. :??:
Nelle prossime uscite gli elementi per il montaggio dei cerchi a raggi.


cruscotto Ferrari GTO (2)cruscotto Ferrari GTO (2)Voir l'image en grand0 vote

Cerchi che immagino complessi da assemblare dato il notevole numero di pezzi.
Message cité 1 fois
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 28/01/2020 à 14:21:19  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
bwVoir l'image en grand0 vote
considerata la scala (1/76) il realismo di questa immagine è impressionante ... la fanaleria, i ganci di traino, la corrispondenza dei caratteri delle targhe e i numeri di gara. Il tutto è frutto di ore passate al PC, salvando, ritagliando, scansionando, misurando il millimetro ... eppure, qualcosa non va sempre. le modanature grossolane, i tergi riportati sui parabrezza che si vedono ed andavano sabbiati ... voglio dire, non esiste la perfezione se non in casi, che sappiamo, veramente unici. Io, non rimango mai completamente soddisfatto.
nino
Message cité 1 fois
Message édité par antonino4 le 28/01/2020 à 14:24:26
Profil : Vétéran confirmé
spazzaneve
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 29/01/2020 à 10:44:56  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

targa 43 a écrit :

http://clu​b.caradisi​ac.com/tar​ga-43/racc​olta-immag​ini-5563/p​hoto/ferra​ri-centaur​ia-2020-82​17520.html

Con la seconda uscita (in ritardo di una settimana) il cruscotto della GTO

Di ottima fattura, onestamente d'impatto emozionale. Ben riprodotti nella grafica. :love:


http://clu​b.caradisi​ac.com/tar​ga-43/racc​olta-immag​ini-5563/p​hoto/crusc​otto-ferra​ri-gto-821​7518.html

Però penso che le cornici della strumentazione siano gli unici elementi cromati di questo modello. :??:
Nelle prossime uscite gli elementi per il montaggio dei cerchi a raggi.


http://clu​b.caradisi​ac.com/tar​ga-43/racc​olta-immag​ini-5563/p​hoto/crusc​otto-ferra​ri-gto-821​7519.html

Cerchi che immagino complessi da assemblare dato il notevole numero di pezzi.
Afficher plus
Afficher moins



Mi sono convinto...ho aderito all'abbonamento Centauria per la costruzione della GTO 1/8.
Per le parti cromate vedremo di intervenire con il Bare Metal e il pennarello Molotow.
La strumentazione è veramente impressionante e promette molto, molto bene!

Profil : Vétéran confirmé
spazzaneve
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 29/01/2020 à 10:46:56  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

antonino4 a écrit :

http://clu​b.caradisi​ac.com/ant​onino4/mod​ellino-482​7/photo/bw​-8219881.h​tml
considerata la scala (1/76) il realismo di questa immagine è impressionante ... la fanaleria, i ganci di traino, la corrispondenza dei caratteri delle targhe e i numeri di gara. Il tutto è frutto di ore passate al PC, salvando, ritagliando, scansionando, misurando il millimetro ... eppure, qualcosa non va sempre. le modanature grossolane, i tergi riportati sui parabrezza che si vedono ed andavano sabbiati ... voglio dire, non esiste la perfezione se non in casi, che sappiamo, veramente unici. Io, non rimango mai completamente soddisfatto.
nino
Afficher plus
Afficher moins



Non ti affliggere Nino!
In quella scala non puoi ottenere la perfezione...ma vanno bene così!

Profil : Vétéran
fofaus
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 29/01/2020 à 10:58:24  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
antonino4
Vedrai che, passato un po' di tempo, apprezzerai giustamente questo tuo lavoro, in questo momento sei ancora troppo preso


---------------
Felice modellismo a tutti
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 29/01/2020 à 12:55:20  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
c'è però la scena vivente ...
nino

Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 29/01/2020 à 12:56:15  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
per la Targa, in corso omaggio a Ludovico Scarfiotti.
nino

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 30/01/2020 à 18:15:01  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Che curiosa convergenza di pensiero: Beppe che pubblica un post sulle Mini, Nino che presenta quella deliziosa composizione con le mini a scala ancor più piccola del consueto, ed io che mi ero già accorto che tra i miei 430 modelli di Targa e Giro non c'era una Mini...
Quindi mi mettevo all'opera e sceglievo da realizzare finalmente quella più particolare, la Austin Cooper twini, un prototipo sperimentale con due motori 1000 cc che alla Targa del '63 guidata da Whitmore e Frere concluse al 27° posto assoluto.


1963 mini tw whitemore-frere 2Voir l'image en grand0 vote


1963 mini twin Whitmore - FrereVoir l'image en grand0 vote
TARGA FLORIO 1963 - Whitmore-Frere su Austin Cooper Twini (27° ass.)


Credo che in commercio ci sia la riproduzione della Spark, ma io come al solito ho preferito partire da un modello di serie
per modificarlo in quella particolare configurazione


mini twin 022Voir l'image en grand0 vote


mini twin 021Voir l'image en grand0 vote


mini twin 020Voir l'image en grand0 vote


mini twin 019Voir l'image en grand0 vote


mini twin 018Voir l'image en grand0 vote


mini twin 017Voir l'image en grand0 vote

Gli interventi riguardano: codolini passaruote - modifica ai cerchi eliminando le coppe ruota - realizzazione griglie e relativi carter
tappo benzina aggiuntivo e specchietto esterno - interni con vano motore posteriore - vetri scorrevoli - verniciatura monocolore, targhe e numeri.
Un vuoto imperdonabile è stato colmato.

 :coucou:
Message cité 1 fois
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 30/01/2020 à 19:42:20  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
1963-retro-uk-tax-disc-coaster-personalisation-available-p2736-7491_imageVoir l'image en grand0 vote
bolli del '63. circa 75 mm. quindi 2 mm è già grande. ma, il retrovisore c'era? da quel lato, col volante a destra? posso sbagliare. bel lavoro sulle aperture, molto camorrioso. fra l'altro, le prese erano diverse sulle due fiancate. io ho accantonato un modellino in cui avevo già montato il motore posteriore prendendolo da un kit della Heller. il colore è lo ALMOND GREEN (verde mandorla). in bomboletta c'è il verde reseda (ma non è preciso). quando lavorai alla realizzazione della mia macchina (anche questo accantonato) lo ottenni partendo dallo HUMBROL 78 con aggiunta di blu e spruzzando il trasparente lucido alla fine. peccato, troppe cose a metà, o 3/4 di lavoro. avrei pronta la seconda vettura del '63 (quella di Cahier). volevo fare il dioramino all'arrivo al porto di Palermo senza numeri di gara. sono un pò stanco, ma non mollo niente.
nino
Message édité par antonino4 le 30/01/2020 à 19:42:55
Profil : Pilote
antonino4
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 30/01/2020 à 19:47:59  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
minchia! vero. retrovisore a sinistra. ritiro tranquillamente.
nino

Profil : Pilote pro
shortleg
Coupe bronze Sport Sport - succès or nombre de vues Sport - succès bronze sujets
  1. Posté le 31/01/2020 à 00:30:44  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 
Quello che ho riprodotto sul parabrezza non credo sia il bollo, ma un qualcosa in bianco rosso e blu. Guarda bene la foto a colori !

e questa è l'altra "latata"... diversa

mini twin 008Voir l'image en grand0 vote
Message cité 1 fois
Message édité par shortleg le 31/01/2020 à 00:39:16
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 31/01/2020 à 22:22:58  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :

FERDINANDO LATTERI
 :coucou:
Afficher plus
Afficher moins



LA CLASSE NON E' ACQUA



1969
24 Agosto – 8^ Ascoli – Colle S.Marco

1^ Coppa Paolino Teodori


Per ricordare la memoria dello stimato e sportivissimo presidente dell’ Automobile Club di Ascoli Piceno, fu dedicata a Paolino Teodori l’ 8^ edizione della cronoscalata Ascoli – Colle S. Marco.


Sul nome del vincitore di questa edizione non vi furono dubbi fin dalle prove ufficiali: “Codones” (Ferdinando Latteri), su Ferrari 206S, era salito con l’eccezionale tempo di 5’19”7 alla media di 115,102 Km/h. e tutto lasciava prevedere per la gara un tempo ancora migliore.


Il giorno della gara però avvenne l’imprevisto e Autosprint n. 33-34/69 scrisse:
…tutto era andato per il meglio per Codones e già, stando alle sommarie rilevazioni cronometriche fatte poco prima del traguardo, si poteva presumere che la Ferrari sarebbe riuscita a salire attorno ai 5’10” promessi dal suo pilota. Però poco prima del suo transito, sulle ultime curve del tracciato, una vettura della classe 1000 prototipi aveva sparso una notevole quantità d’olio a causa della rottura di un pistone. Attimi di vera apprensione dato che era il momento della Ferrari di Codones, il quale piombava con estrema decisione sulla esse finale, forse sottovalutando le segnalazioni e lo stato del fondo stradale. Riusciva a correggere ottimamente una prima sbandata, ed entrava velocissimo nell’ultima curva. Resosi conto che la sua vettura stava “partendo”, il pilota ha cercato di richiamarla con una violenta accelerata, ma non riusciva ad evitare un lungo e fortunoso testacoda che aveva termine a non più di 20 metri dal traguardo. La 206 si era fermata di traverso con la coda contro le balle di paglia e il motore si era spento. In uno strano silenzio si sentiva il motorino di avviamento ronzare e dopo circa 15 secondi finalmente il motore si riaccendeva e Codones poteva percorrere, con un “prima” rabbiosa, quei pochi metri che lo separavano dalla vittoria e dal record, nonostante tutto, migliorato.


Poco brillante e soprattutto sfortunata la gara per i piloti locali: decisamente negativa per Pietro Laureati su Alfa Romeo 33 Stradale che al secondo chilometro, all’altezza di un tornante urtò il muro di protezione danneggiando gravemente il mezzo che non fu in grado di riprendere la gara. Discreti piazzamenti per gli altri: Dario Romoli 7° in classe 600 turismo; Giuliano Andrenacci terzo in classe 1600 turismo; Francesco Indignozzi su A.R. Giulietta Sprint quinto nelle gran turismo; Barbaro Grelli, su AR TZ1, fu secondo nelle sport fino a 1600 cc.
image002 1 image004 2
image006 3 image008 4
La sequenza dello spettacolare testacoda di “Codones”: nonostante tutto, vincerà la gara stabilendo il nuovo record.


---------------
beppe 45
... si correva solo per sport
Profil : Vétéran
beppe45
Sport - succès argent messages
  1. Posté le 04/02/2020 à 20:49:44  
  2. answer
  1. Prévenir les modérateurs en cas d'abus
 

shortleg a écrit :

LA SCUDERIA ETNA

Afficher plus
Afficher moins


UN PO DI STORIA DEI "CUGINI CATANESI"



(a cura di Stefano Sapuppo)
La "Scuderia Etna" fu fondata il 18 marzo 1960 da tredici appassionati "patiti del volante" e precisamente: Alfio Monaco,Francesco Agosta,Luigi Vannucci (palermitano di nascita),Giancarlo Carfì,Giovanbattista Paternò,Santo Grasso,Salvatore Russo,Salvatore Vecchio,Vito Coco,Giuseppe Cosentino,Vincenzo Arena,Giulio e Mario Pernice,che-del sodalizio catanese-fu il primo Presidente.
A questi presto si aggiunsero molti altri quali Gianni Giordano,Totò Le Pira,Pippo D’Amico,i fratelli Angelo e Nino Bonaccorsi,tanto che- dopo una settimana-i soci raggiungono il ragguardevole numero di cento!


La sede sociale era ubicata a Catania in via Re Martino 132,in piccoli ma accoglienti locali (successivamente nel '62 in via Scammacca e nel '65 in via Trieste).


L'esordio agonistico avvenne il mese successivo alla 3^ edizione della Coppa Belmonte ad Avola e fu un successo strepitoso,con la conquista dei primi tre posti assoluti con Le Pira,Coco e Vannucci.


Il "battesimo del fuoco" fu tuttavia l'8 maggio con la partecipazione alla mitica Targa Florio (44^ ed.) in cui la Scuderia schierò ben cinque equipaggi cogliendo un buon quarto posto nella classe 1300 GT con la coppia Coco-Sabbia su A.R.Giulietta S.V. La prima stagione agonistica si concluse trionfalmente con la conquista da parte di Giovanni Giordano, su Osca 1500, del Campionato Italiano di velocità nella classe sport fino a 1600,primo titolo tricolore ottenuto da un pilota catanese.



Il primo Campione Sociale fu Enzo Arena, sicuramente il più rappresentativo pilota di quel periodo,che-nel 1964-vide la sua brillante carriera in parte compromessa da un terribile incidente sul circuito tedesco del Nurburgring; pur tuttavia ciò non impedì al pilota catanese successivamente di continuare a gareggiare con le squadre ufficiali di Abarth ,Ford e Porsche.

Per tutti gli anni Sessanta, la Scuderia Etna continuò a mietere vittorie non solo in Italia ma anche all’Estero, ottenendo una trentina di primi posti assoluti e centinaia di piazzamenti di classe.



Furono conquistati tre titoli italiani,per merito del bresciano “Pam” (Marsilio Pasetti) e del palermitano Totò Calascibetta. Altri piloti,che con i loro successi contribuirono alla buona affermazione dell’ ”Etna”, furono Giulio Pernice,i fratelli Bonaccorsi, Pippo D'Amico, Giovanni Musumeci, Beppe Virgilio,Filippo Susinno,Alfio Vitale (“Jimmy”), Giuseppe Alongi(“Tio Pepe”), l’altro bresciano della Scuderia Arduino Becchetti ("Oscar-B" ), Nando Iacono (“Gordon”),Alfio Gambero,l'agrigentino Tropia ("Caterpillar" ),l’avolese Giuseppe Sirugo,Santo Campione, Epifanio Salerno,Santo Famoso (“Diabolik”), Alfio Nicolosi.

Nel 1969 esordisce alla II ed. della Cefalù-Gibilmanna quello che sarà in assoluto il pilota più rappresentativo della Scuderia Etna, il "principe volante" Enrico Grimaldi.



Gli anni Settanta e Ottanta, -sotto la Presidenza di Italo Cultrera e con Girolamo Perniciaro prima e Franco Agosta successivamente nelle vesti di Direttore Sportivo- furono per la Scuderia catanese certamente i più prolifici e ricchi di soddisfazioni. Furono ottenuti oltre 80 primi posti assoluti e circa 650 primi posti di classe.

Furono conquistati ben 28 titoli italiani con i piloti Mario Litrico (pilota ufficiale Autodelta), Santo Famoso, Mario Papale(junior), Matteo Vasta, Angelo Bonaccorsi, Mario Agosta, Enrico Grimaldi, Giuseppe Scuderi (“Bairo”), Santo Ferlito, Riccardo Vasquez(“Odraccir”), Serafino La Delfa, Vito Veninata, Severino Recca (“Podi”), Angelo Ferraro, Antonino Ponticello.A queste affermazioni si aggiungono numerosi titoli siciliani per merito di Enrico Grimaldi, Michele Marino,Riccardo Vasquez e del palermitano Elio Calandra ("Amerix" ), le vittorie nei Trofei monomarca di Enrico Grimaldi e Giorgio Mertoli(Uno Turbo) e di Serafino La Delfa(Ford) e nel Campionato siciliano Kart di Rori Parasiliti e Alfio Messina. Grimaldi inoltre conquistò in questi anni ben cinque Targhe messe in palio dalla Gazzetta dello Sport quale migliore "scalatore" della stagione agonistica. Altri piloti che si misero in luce in quegli anni ricordiamo Giovanni Platania, Mario Segapeli ("Mas" ),Carmelo Muscolino,Franco Privitera,Roberto Amato ("Black Shiver" ),Giuseppe Pantò,Corrado Andrè,Vito Reina("Iver" ), Corrado Malfa, Lillo Motta, Angelo Mancini,Andrea Marziano("Aeron" ),Angelo Alì,Piero Mertoli, Salvatore"Piero"Scaccianoce,Gi​ancarlo Marino(Gin Fix).


Tra gli eventi più significativi da ricordare in questo ventennio sono:
1970
la Scuderia riceve dal CONI il suo primo riconoscimento nazionale con l'assegnazione del Diploma di Benemerenza.1972-1975 la Scuderia organizza con successo il "Trofeo Scuderia Etna" sul circuito di Pergusa.

1974 esordio agonistico dell'attuale Presidente Onorario il notaio Francesco Attaguile("Bollinger" ).
1975 prima vittoria assoluta di Enrico Grimaldi a Cosenza,su March Bmw.
1977 Grimaldi in coppia con toscano Mauro Nesi- pluricampione italiano e europeo della Montagna-ottiene un prestigioso 4°posto assoluto nella 61^ Targa Florio,l'ultima disputata.
1979 Grimaldi,su Osella,in coppia con Lella Lombardi vince,sul circuito di Pergusa,la 19^ Coppa Florio, gara di Campionato Mondiale Marche.


Nello stesso anno purtroppo un grave lutto colpisce la Scuderia con la prematura e tragica scomparsa della giovane segretaria Rosalba D'Agata, durante il pre-gara di Gambarie.

1980-1982 la Scuderia Etna, unitamente alle altre Scuderia etnee,organizza la Corsa dell'Etna.1982 sul circuito di Pergusa Francesco Attaguile("M.Arriva" ) partecipa con la Minardi alla gara di Campionato Europeo F2.

1983-1984 il sodalizio etneo vince il Campionato Siciliano per Scuderie.

1985 secondo riconoscimento nazionale da parte del CONI con la concessione della Stella di Bronzo al Merito Sportivo.

1989 il giovane catanese,trapiantato a Roma, Giovanni Bonanno partecipa con i colori della Scuderia al Campionato Italiano e Europeo di Formula 3,ottenendo in quest'ultimo un prestigioso 3° posto assoluto.


---------------
beppe 45
Publicité

 Page :
1  ...  900  1000  1100  1200  1300  1400  1500  1600  1700  1800  1900  1910  1920  1930  1940  1950  1951  1952  1953
100  200  300  400  500  600  700  800  ...
Dernière Page
Page Suivante
Page Précédente
Première Page

Aller à :
 


Les 5 sujets de discussion précédents Nombre de réponses Dernier message
Rally dei Fiori - Sanremo 5
recherche de photos 4
1er rallye Provence méditerranée story 12
que sont t ils devenu? 2
Alpine A 106 9