Aller au contenu
Logo Caradisiac        

Téléchargez nos application

Disponible sur App Store Disponible sur Google play
Publi info

TARGA FLORIO E LE CORSE SICILIANE


Messages recommandés

A volte ritornano...

Si, la frequentazione di facebook ha assorbito e smorzato le mie voglie modellistiche, così mi limito a modificare qualcosa di vecchio, ma poco sfruttato da altri.

Nel '67 l'Alfa Romeo decide di fare il proprio rientro tra le sport, e lo fa con una 2000 denominata 33. Alla Targa Florio si presenta con tre vetture, ma il test madonita è troppo duro per una vettura così giovane, e la fortuna non arride a nessuno dei tre equipaggi.

Col mio modellino ho voluto quindi omaggiare la coppia italiana Galli-Giunti che tanto ci farà sperare nell'edizione successiva, ma ancora una volta senza riuscire ad acchiappare il successo.

 

 

1967 alfa  galli-giunti.jpg

 

Il modellino base usato è della Metro, realizzato per collezione da edicola, a cui ho apportato poche modifiche come i fori sul muso, il tergi in fotoncisione e lo specchietto su sostegno rialzato, gli indicatori laterali e i cerchioni colorati in oro.

 

 

giunti 002.jpg

giunti 001.jpg

giunti 004.jpg

giunti 003.jpg

 

:jap: :jap: :jap:

Lien à poster
Partager sur d’autres sites
  • Réponses 68,9K
  • Créé
  • Dernière réponse

Participants fréquents à ce sujet

  • shortleg

    10940

  • TARGAPEDIA

    6898

  • tritone

    4665

Participants fréquents à ce sujet

Messages populaires

Io mi limito alle cosine semplice, ma che mancano nella bacheca delle miniature di Giro e Targa.   La seconda fase del Giro di Sicilia, dopo una interruzione di 13 anni, non ha avuto il successo sper

Provo a mostravi il mio ultimo piccolo lavoro. Si tratta della Maserati T 61 Targa Florio 1960 condotta da Vaccarella e Maglioli. Il modello è un Leo Model 1/43 della collezione Maserati da

Ieri Le Mans... ormai peggio della F1, almeno lì la corsa dura un ora e mezzo !

Qui, dopo 24 ore riscontri l'ordine d'arrivo della partenza !!! Se non fosse per le altre categorie avremmo l'ennesima pagliacciata...

:jap:

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ieri Le Mans... ormai peggio della F1, almeno lì la corsa dura un ora e mezzo !

Qui, dopo 24 ore riscontri l'ordine d'arrivo della partenza !!! Se non fosse per le altre categorie avremmo l'ennesima pagliacciata...

:jap:

 

 

riferisco le mie impressioni. ovviamente, riprese spettacolari, fin troppo approfondite, camera car per tutti! riconosco che sia difficile emozionarsi, si rimane ammirati per le stesse riprese. tifare? per chi? rimane un barlume per la Ferrari, che non è neanche ufficiale. le differenze di potenza fra le "ibride" e le GT PRO è impressionante, sono due corse separate. tutto quel personale ai box, una esagerazione, tanti, tantissimi soldi degli sponsor. la sicurezza del circuito e delle vetture evitano drammi una volta all'ordine del giorno, almeno questo. materiale modellistico? di difficilissima gestione. decorazioni impossibili da autorealizzare. c'è stata in edicola la ferrari 488 AF CORSE. da fuori m'è sembrata ottima. non l'ho presa per non incasinarmi ...

nino

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ieri Le Mans... ormai peggio della F1, almeno lì la corsa dura un ora e mezzo !

Qui, dopo 24 ore riscontri l'ordine d'arrivo della partenza !!! Se non fosse per le altre categorie avremmo l'ennesima pagliacciata...

:jap:

 

 

 

Anch'io ho assistito in TV alla 24 ore di Le Mans.

Che dire,...per quanto riguarda la LMP1 noia assoluta, con in più la pantomima finale della pseudo foratura, che ai più è sembrata una sceneggiata per fare vincere Alonso!

Molto più agguerrita la battaglia in LMP2, ma le auto sembrano tutte uguali e così si crea una gran confusione.

La vera lotta si è vista in GTE Pro con uno schieramento di case costruttrici davvero eccezionale e vinto, finalmente da una Ferrari 488, certo non ufficiale, ma ricordatevi che la AF Corse è pur sempre una diretta derivazione della casa di Maranello.

La copertuta televisiva è stata, come sempre negli ultimi anni, encomiabile.

Mi rimane il ricordo delle 24 ore degli anni 60/70, quando la Rai trasmetteva le fasi iniziali e conclusive in bianco e nero, telecronisti Piero Casucci e poi Mario Poltronieri, la corsa si viveva con la fantasia, tanto erano scarse e rare le immagini, a differenza di oggi!

Pensate cosa sarebbe stato assistere alla 24 ore del 1970 con i mezzi televisivi di oggi!!

Un caro saluto da uno Spazzaneve ormai in vacanza modellistica e in procinto di recarsi a mare!

 

gulf.jpg

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ciao Piergiogio

 

je suis toujours là à essayer de comprendre vos échanges

 

bon voyage , j'espère qu'ils ne te ferons pas ramer ;) ;) ;) ;)

 

Sono ancora qui per capire i vostri scambi.

Buon viaggio, spero che non ti facciano litigare. ;) ;) ;) ;)

.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

A volte ritornano...

Si, la frequentazione di facebook ha assorbito e smorzato le mie voglie modellistiche, così mi limito a modificare qualcosa di vecchio, ma poco sfruttato da altri.

Nel '67 l'Alfa Romeo decide di fare il proprio rientro tra le sport, e lo fa con una 2000 denominata 33. Alla Targa Florio si presenta con tre vetture, ma il test madonita è troppo duro per una vettura così giovane, e la fortuna non arride a nessuno dei tre equipaggi.

Col mio modellino ho voluto quindi omaggiare la coppia italiana Galli-Giunti che tanto ci farà sperare nell'edizione successiva, ma ancora una volta senza riuscire ad acchiappare il successo.

 

 

1967 alfa  galli-giunti.jpg

 

Il modellino base usato è della Metro, realizzato per collezione da edicola, a cui ho apportato poche modifiche come i fori sul muso, il tergi in fotoncisione e lo specchietto su sostegno rialzato, gli indicatori laterali e i cerchioni colorati in oro.

 

 

giunti 002.jpg

giunti 001.jpg

giunti 004.jpg

giunti 003.jpg

 

:jap: :jap: :jap:

 

 

ciao shortleg , superbe :love: :love: :love: :love:

 

ciao shortleg , superbo :love: :love: :love: :love:

 

.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

rifiuto l'idea che si sia fatto vincere Alonso, troppo schifo sarebbe. piuttosto, questo sì, la n. 8 perchè non ha ceduto la vittoria alla n. 7 dopo che quest'ultima aveva condotto la maggior parte della corsa? riconoscendole i meriti conquistati in tante ore di gara? così si è evitato l'arrivo in parata per non lasciare niente alle reazioni possibili dei piloti alla guida al momento. ribadisco, troppa differenza fra le varie classi fa sfuggire un senso univoco alla corsa, e non si riesce a seguire.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ultimamente mi aveva appassionato e tenuto perfino in apprensione questa corsa finchè partecipavano anche tre team ufficiali (Audi-Porsche-Toyota); ora hanno capito che non è commercialmente conveniente una guerra, così decidono come se dovessero andare in vacanza..., quest'anno ci vai tu e l'anno prossimo ci vado io...

Le altre categorie son gestite tutte da privati da sempre, quindi mi sta bene raffigurare la lotta tra Ferrari, Porsche, Ford, Corvette, Aston, etc..., facciamo finta che..., non ha importanza ai fini del contenuto agonistico sportivo. Il livello organizzativo è comunque sofisticatissimo, anche esagerato; le vetture di notte sembrano alberi di natale e i proiettori potentissimi da ridurre assai i pericoli della visibilità. Fino a qualche anno fa, vedere i camera car delle top districarsi tra le vetture più lente con illuminazione precaria faceva gelare il sangue; ora la sicurezza è diventata prioritaria ed è quasi rilassante assistere a quei sorpassi e staccate mozzafiato come fosse un GP.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ciao Piergiogio

 

je suis toujours là à essayer de comprendre vos échanges

 

bon voyage , j'espère qu'ils ne te ferons pas ramer ;) ;) ;) ;)

 

Sono ancora qui per capire i vostri scambi.

Buon viaggio, spero che non ti facciano litigare. ;) ;) ;) ;)

.

 

 

Cher Roland,

comme vous voyez nous aimons beaucoup la 24 heures du Mans!! :love: :love: :love: :love:

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Almeno nelle GT si vedono delle macchine simili, o quasi, a quelle che si possono comprare (mezzi permettendo) nelle concessionarie.

Peccato pero' per il BoP che alla fine livella tutto o, peggio, penalizza le auto più performanti.

Squalificare poi la macchina vincente per un serbatoio fuori regola di mezzo bicchiere su 120 bottiglie é ridicolo.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Veri "assangati" di macchine...! Oggi ci dobbiamo accontentare di questo, cioè quello che ha lasciato in eredità una vomitevole F1 in grado di fare il trenino per dieci giri dietro una muscolosa safety car...

 

Per fortuna esistono ancora ed alla grande le rievocazioni, e un paio di volte l'anno dalle mie parti non posso certo lamentarmi; le rally moderne, così come le Ferrari da Tribute manco le guardo, ma le storiche della MM e della Vernasca quelle sì, sono poesia, musica, le vere auto da corsa di un tempo irripetibile a cui siamo rimasti indissolubilmente legati.

 

 

vernasca 18 056.jpg

 

 

vernasca 18 060.jpg

 

:love:

 

IERI SERA "PIZZIATA" CON PROIEZIONE FILMATI SU TARGA FLORIO IN PARTE INEDITI, DI GRANDE QUALITA', RACCOLTI DALL'ASSOCIAZIONE "AMICI DELLA TARGA FLORIO".

EMOZIONANTE VEDERE IMPEGNATE ANCHE LE "600" A TESTIMONIANZA CHE ALLORA, NEI SERBATOI, ASSIEME ALLA BENZINA CI METTEVI SOGNI E PASSIONE..... ED AVEVI GIA' VINTO.

OGGI VINCE SOLO CHI HA PIU' SOLDI DEGLI ALTRI MA NON VINCI TU, VINCONO I SOLDI.

beppe

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

 

Cher Roland,

comme vous voyez nous aimons beaucoup la 24 heures du Mans!! :love: :love: :love: :love:

 

 

Ciao Piergiorgio :hello: :hello: :hello:

 

mais je n'en ai jamais douté , le Mans et la Targa ayant vu courir tellement de voitures identiques que c'est inévitable

 

 

ma non ne ho mai dubitato, Le Mans e Targa avendo visto così tante auto identiche che è inevitabile.

 

 

.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Mini Targa Florio

Lo scorso anno avevo pubblicato le foto di alcuni miei lavori eseguiti su delle basi da edicola in scala 1/24. Si trattava di lavori "minimalisti" per rendere dei die cast "economici" degni di essere inseriti in una collezione tematica. Sostituzione delle ruote, decals autocostruite ed una rifinitura complessiva senza interventi sulla carrozzeria o sulla verniciatura. Sono molto contento di non essere da solo a sposare, laddove possibile, questa scelta "filosofica".... Ieri pomeriggio infatti ho potuto chiacchierare a lungo con Fabio Tormen, un "bravo collega modellista" che ha portato in esposizione da Effe Model dei fratelli Filippone (via Zandonai 58 Palermo) i suoi ultimi lavori.

64589990_10215162759846511_8073803858029051904_n.jpg?_nc_cat=103&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=544bc4fa3bde4ea40e388e734ab5ac28&oe=5D833C8D

Targa Florio 1965 #166 Alfa Romeo Giulia GTA A.Federico - M.Aruajo Cabral

64602288_10215162762686582_4961803179642585088_n.jpg?_nc_cat=111&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=a5ac70894f33934496de3905aea31017&oe=5D8A7818

Alfa Romeo Giulia GTA - base Quattroruote 1/24

65023995_10215162763086592_278497224344731648_n.jpg?_nc_cat=110&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=1251e6f6aed866e272bc0a46df9d1b08&oe=5D8BDDB6

64831800_10215162763366599_1317552561749753856_n.jpg?_nc_cat=111&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=d42eaff74867ebbc750482bbbb8fce13&oe=5D7D6542

64363658_10215162763646606_3561778849148567552_n.jpg?_nc_cat=109&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=52c7f9085568612903abb3efddecb19b&oe=5D89DC13

*******

64583536_10215162774526878_1772438969045221376_n.jpg?_nc_cat=104&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=975162e2b4286dd95dbd6b3aa8325b36&oe=5DBFE8B9

Targa Florio 1967 #12 Lancia Fulvia HF 1300 Amphicar - G.Garofalo

64417653_10215162775406900_1738407082710794240_n.jpg?_nc_cat=107&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=7e3614e5f0d4c9e802ab701f14b5a1d5&oe=5D784537

Lancia Fulvia HF 1300 - base Quattroruote 1/24

64861017_10215162775486902_3267189769620160512_n.jpg?_nc_cat=111&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=53b0fc5af106c7081924d0672c67a907&oe=5DC6F061

64992842_10215162775686907_151383827518849024_n.jpg?_nc_cat=101&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=bd72a528225bfbc3e84679143b7b8202&oe=5D82FFE0

64662144_10215162776086917_2292591012175937536_n.jpg?_nc_cat=101&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=82f9000bc81b79271b597804f58e4719&oe=5D7F6D84

*******

65056367_10215162777846961_5562410461422419968_n.jpg?_nc_cat=103&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=e432a8eb4c871ffb161c86812ae1b94a&oe=5DC119A2

Targa Florio 1970 #278 Alpine Renault A 110 "Ro" - G.Giacomini

64754187_10215162778926988_8475386444121112576_n.jpg?_nc_cat=100&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=b16d879baa3d1c5f4024aeb55b67031e&oe=5D8095EC

Alpine Renault A 110 - base Quattroruote 1/24

64903037_10215162779126993_1788233702686326784_n.jpg?_nc_cat=104&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=210e3b1adc98c7782ae303ec1d7c1637&oe=5D8C0905

64777430_10215162779326998_1023580986849361920_n.jpg?_nc_cat=102&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=526d76af809141dcaddb31b8fc3409ea&oe=5D8D82F5

64979712_10215162779647006_7717858340293836800_n.jpg?_nc_cat=108&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=024934a2c3d24ef4cd68c355a0653e42&oe=5D919AFB

******

64836110_10215162782327073_7328158172068184064_n.jpg?_nc_cat=107&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=07a97133e4a35da74f0fb8d78238a696&oe=5DC37076

Targa Florio 1968 #90 Fiat Abarth OTS 1000 Don Pedrito - C.Bruno di Belmonte

64407189_10215162793887362_7449560542290640896_n.jpg?_nc_cat=108&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=374978d3a1b47231319c3c076f0260e4&oe=5D94389F

Fiat Abarth OTS 1000 - base Seat Collection Ediçiones Salvat 1/24

64599859_10215162792327323_1026275262783815680_n.jpg?_nc_cat=100&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=862b9610e020c3179b52d10e53cc8fa0&oe=5D79F39F

64754426_10215162786527178_2698114741863186432_n.jpg?_nc_cat=101&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=25752f07a76f31e33891c1921840e409&oe=5DC532DC

64412799_10215162787767209_7182027536228941824_n.jpg?_nc_cat=100&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=662e45282d6feb38667360d86aa09d15&oe=5D8A5D1C

Si tratta di una Alfa Romeo Giulia GTA, una Lancia Fulvia 1300 HF ed un'Alpine Renault A110 della serie edita da Quattoruote ed una Fiat Abarth OTS 1000 realizzata sulla base Seat distribuita dalla spagnola Ediçiones Salvat (non distribuita in Italia.

Rispettivamente riproducono le versioni che hanno corso la Targa Florio del 1965, 1967 e 1970 (i modelli di QUattroruote) e del 1968 (la base Seat).

Fabio ha sostituito le ruote e disegnato i vettoriali per le ottime decals che decorano i quattro modellini, rifinendoli in maniera eccellente,

Per chi vive a Palermo vale la pena avvicinare da Effe Models per ammirarli. Le fotografie dei modellini sono già parte delle Photogallery modellistiche di Targapedia.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ne aveva una mio zio nei primi anni sessanta; poi cambiò macchina e la cedette, forse regalò, ad un altro mio zio che dopo qualche anno a sua volta se ne disfece in condizioni impeccabili... !!! Erano altri tempi, io avrò avuto circa 20 anni ed ero uno squattrinato universitario felice di possedere una 600 prima serie che il nonno non usava più. Ricordo ancora con amore, ammirazione e rammarico quella deliziosa Karmann Ghia... :\

 

:bah:

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Il Giro di Sicilia è scaturito dall'ingegno di Vincenzo Florio nel lontanissimo 1912.

La corsa su strada pensata per percorrere il periplo dell'isola, su una distanza di circa 1000 chilometri, dopo alcune pause fu ripresa nel 1948 dai giovani ed intraprendenti Principe Raimondo Lanza di Trabia e Baroni Stefano La Motta ed Antonio Pucci, correndosi fino all'edizione 1958 (svoltasi come gara di regolarità) per concludersi come tutte le corse su strada in seguito alla tragica Mille Miglia del 1957. La stessa Mille Miglia fu pensata e realizzata prendendo ispirazione e facendo tesoro dell'esperienza del Giro di Sicilia.E' pertanto bello e gratificante, quando si può raccontare e fare rivivere il Giro di Sicilia anche attraverso il modellismo.

Durante i lavori di "upload" della mia collezione (dei quali ho già scritto) , mi sono trovato tra le mani il modellino della Solido della Mercedes 300 SL, meglio conosciuta come "Ali di gabbiano". Un discreto die-cast prodotto dalla casa francese per la serie "Age d'Or", da me accantonato sia per mancanzza di spazio, sia perchè era stato relativamente trasformato in modo approssimativo non so da chi per il mio amico Vittorio Giordano. Riprendendolo in mano mi sono accorto però che ora poteva essere riportato in vetrina ma con i giusti accorgimenti, riproducendo la vettura con la quale Armando Zampiero ha corso nel 1956 con il n.301 la 16°edizione del Giro di Sicilia. Ho preferito questa gara e non la Targa Florio, perchè su Targapedia esistevano già diverse riproduzioni della 300 SL impegnate nella classica gara siciliana dal 1955 al 1958, mentre non avevo nessuna riproduzione delle partecipazioni al Giro.

64810688_10215175954576371_6574828729485230080_n.jpg?_nc_cat=108&_nc_oc=AQmLyB_EubG2arDr-KDJqRolf1G-uTORo37oUwWCWPPmPwmHg-38RJ1pZWQk_2_05mM&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=feffdbefd004c3c2e0c71e9dc95bd2c7&oe=5D8BF550

La vettura di Zampiero ben si prestava ad una semplice rielaborazione, in quanto conservava i paraurti ed aveva una caratteristica batteria di 3 fari supplementari, necessari per affrrontare la parte notturna della gara.

Inoltre nel mio "magazzino" i quattro cerchioni di provenienza Starter, privi di coppe cromate, necessari per ottenere una maggiore fedeltà con vettura in corsa. Realizzare le luci posteriori, incredibilmente non riprodotte dalla Solido è stato abbastanza semplice.

65180160_10215175948616222_3633606194284724224_n.jpg?_nc_cat=110&_nc_oc=AQkLG5XGysg4eW1VOMWz_11FKXj4pPKB9VB2_hI0mqP6sxCqH6jIgEaopCyAKka6OeM&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=fd6703e2e3f7678f944dd7e7d7dea1ac&oe=5D8C69CB

64669323_10215175948536220_3478751754017832960_n.jpg?_nc_cat=101&_nc_oc=AQlMx-23_nuLghazV7Ty2ecwBRONY33XYnZEUjObHF4b_q7z2tvw7Of_wWtqxtGs6g0&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=fcd6e9b25f5fe0a3eca5034fbc84106b&oe=5D7CDB54

64591733_10215175948816227_4860190944978272256_n.jpg?_nc_cat=106&_nc_oc=AQncmgdiQjZqngk1BYYbwTT38k1qzZLQz6b3tcov6g2KaGFV9YP9pdxSt4hySogdbqg&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=fadb00159836a298d2728499b4579aca&oe=5D79ABDD

64974304_10215175949136235_5427447118509899776_n.jpg?_nc_cat=105&_nc_oc=AQmkWVrAODfgIjKpyHkoAxl86hUMBKOXYsbWOM_VAw9hVZlP5B8vBnEqbzudgKb8ka0&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=21e2598bb6347a20b0b47c7f039105ec&oe=5DBF0B0C

64618096_10215175949736250_4309503415244816384_n.jpg?_nc_cat=103&_nc_oc=AQkUWbH6UWLJkfVammUzwehK3VeGX2hMjECl2ZCnanBrL1vJGVCXLGGCsHRB-graheA&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=c815915c4f61e0c87454c0ca70184d8b&oe=5DBC7751

65016265_10215175949896254_2733963330644344832_n.jpg?_nc_cat=110&_nc_oc=AQkmkh63ZOeCAD-PvRgqh6teruJXchOz49hhJg6psrqf29T3AB1nKZfbGDEPwBh0NEg&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=24dd248970042295c4d45a8887b24d35&oe=5D7C7116

Il risultato finale è per me ritenuto soddisfacente tanto da avere trovato un posto alla nuova arrivata accanto agli altri modellini della stella a 3 punte raccolti nella mia collezione.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

più che soddisfacente. bel machinario!

nino

p.s.: mi potevi fare un regalo, c'era quella del mio libro di Peppino Musso ...

 

Caro Nino, avessi avuto i faretti rettangolari.. uno dei motivi per cui hi scelto quella di Zampardi, sicuramente più appariscente..... senza contare che non conoscevo la targa....

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Il Giro di Sicilia è scaturito dall'ingegno di Vincenzo Florio nel lontanissimo 1912.

La corsa su strada pensata per percorrere il periplo dell'isola, su una distanza di circa 1000 chilometri, dopo alcune pause fu ripresa nel 1948 dai giovani ed intraprendenti Principe Raimondo Lanza di Trabia e Baroni Stefano La Motta ed Antonio Pucci, correndosi fino all'edizione 1958 (svoltasi come gara di regolarità) per concludersi come tutte le corse su strada in seguito alla tragica Mille Miglia del 1957. La stessa Mille Miglia fu pensata e realizzata prendendo ispirazione e facendo tesoro dell'esperienza del Giro di Sicilia.E' pertanto bello e gratificante, quando si può raccontare e fare rivivere il Giro di Sicilia anche attraverso il modellismo.

Durante i lavori di "upload" della mia collezione (dei quali ho già scritto) , mi sono trovato tra le mani il modellino della Solido della Mercedes 300 SL, meglio conosciuta come "Ali di gabbiano". Un discreto die-cast prodotto dalla casa francese per la serie "Age d'Or", da me accantonato sia per mancanzza di spazio, sia perchè era stato relativamente trasformato in modo approssimativo non so da chi per il mio amico Vittorio Giordano. Riprendendolo in mano mi sono accorto però che ora poteva essere riportato in vetrina ma con i giusti accorgimenti, riproducendo la vettura con la quale Armando Zampiero ha corso nel 1956 con il n.301 la 16°edizione del Giro di Sicilia. Ho preferito questa gara e non la Targa Florio, perchè su Targapedia esistevano già diverse riproduzioni della 300 SL impegnate nella classica gara siciliana dal 1955 al 1958, mentre non avevo nessuna riproduzione delle partecipazioni al Giro.

La vettura di Zampiero ben si prestava ad una semplice rielaborazione, in quanto conservava i paraurti ed aveva una caratteristica batteria di 3 fari supplementari, necessari per affrrontare la parte notturna della gara.

Inoltre nel mio "magazzino" i quattro cerchioni di provenienza Starter, privi di coppe cromate, necessari per ottenere una maggiore fedeltà con vettura in corsa. Realizzare le luci posteriori, incredibilmente non riprodotte dalla Solido è stato abbastanza semplice.

Il risultato finale è per me ritenuto soddisfacente tanto da avere trovato un posto alla nuova arrivata accanto agli altri modellini della stella a 3 punte raccolti nella mia collezione.

 

 

Tutto molto bene ad esclusione dei tergicristalli, grossolani e fuori scala. Enzo provvedi rapidamente a sostituirli...il modello lo merita!

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Caro Nino, avessi avuto i faretti rettangolari.. uno dei motivi per cui hi scelto quella di Zampardi, sicuramente più appariscente..... senza contare che non conoscevo la targa....

 

 

ah l'età, l'età ... scopro solo ora che il modellino è tuo. convinto aver letto come di Shortleg ... magari avrei avuto reazioni diverse ... comunque, nel "Giro a Messina", nella parte raccontata ci dovrebbe essere una foto frontale in cui si può leggere la targa. ora controllo.

nino

 

io. avrei cercato una migliore riproduzione delle targhe. da tempo, parto sempre da immagini reali in cui modifico i numeri diversi mantenendo lo stesso font, se non ritaglio da varie foto per i caratteri giusti.

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Ecco la Mercedes 300 SL Solido 1/43 dopo alcuni tocchi di Spazzaneve:

premesso che si tratta di un modello risalente all'ottobre 1984, dopo l'acquisto decisi di migliorarne la finitura, mantenendo la versione stradale.

Ho, innanzitutto, riverniciato in argento metallizzato la carrozzeria, aggiunto le modanature cromate sul parabrezza e sulla battuta della portiera, ho realizzato i fari posteriori dipingendo una striscia cromata adesiva di giuste dimensioni, ho sostituito i proiettori originali con altri Bosica, di ben altra qualità, ho aggiunto i tergicristalli utilizzando dei fotoincisi Tron, ho dipinto gli interni imitando la pelle blu, non trascurando le cinghie sulla cappelliera e, infine, ho aggiunto i ripetitori di direzione utilizzando faretti Tron da 1 mm. Tutte queste modifiche risalgono a più di trenta anni fa e il modello presentato da Enzo mi ha sollecitato a riproporvelo.

 

IMG_0978.jpg

 

IMG_0974.jpg

 

IMG_0977.jpg

 

IMG_0973.jpg

 

IMG_0972.jpg

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Diverse cose della vita mi hanno tenuto lontano dal "Bar dello Sport" ma - portate a termine - eccomi di nuovo qui.

Sto leggendo (solo) l'ultima pagina del forum e vedo che si parla della "banalità" dell'ultima 24 Ore di Le Mans.

Sono d'accordo - per essermene anch'io accorto quest'anno - che Le Mans 2019 è stata una piece mancante di mordente e del tradizionale appeal che, invece, sin dal debutto delle barchette AUDI (forse anche un pò prima quando - nel 1998 - vinse la barchetta BMW con l’italiano Pierluigi Martini - in effetti realizzata dalla Williams) aveva animato le 24 Ore degli ultimi cinque lustri.

BMW 1999B W12LMR.jpg

Audi R10 2007.jpg

Non bisogna dimenticare che il Mondiale Marche - oggi WEC - ha sofferto sempre di alti e bassi, basti pensare al dopo MM '72 (dopo il fantastico trienno 1969/1971), con la sola Ferrari 312PB, che faceva finta di combattere contro le Alfa Romeo 33TT3 (12 cilindri contro 8 cilindri, con il pesantissimo serbatoio antincendio ideato da Chiti) e le vecchie Porsche 908 MK3 "rinnovate" da Juncadella e da Joest.

ATF72_Stomm.jpg

ATF73 practice.jpg

Non parliamo poi dell'era silhouette, con le Porsche 911/935 contro le superstiti barchette gruppo 6, che addirittura gareggiavano in due distinti campionati.

lemans-24-hours-of-le-mans-1978-43-martini-racing-porsche-935-78-manfred-schurti-rolf-stom.jpg

lemans-24-hours-of-le-mans-1978-6-martini-racing-porsche-porsche-936-78-bob-wollek-j-rgen.jpg

Il Gruppo C riportò un pò in auge l'Endurance anche se oramai si era affermato il "Circus Ecclestone" della F.1.

le-mans-classic-2016_ruoteclassiche.jpg

erik-maris-peugeot-905-evo-1-gruppo-c-racing-le-mans-classic-2018-luglio-2018-le-mans-in-francia-il-circuito-da-corsa-classic-classic-cars-classic-racing-pg9wkj.jpg

L'era Audi contro Peugeot e poi Toyota, con la parentesi Porsche, ha in effetti dato interesse al WEC con vetture davvero belle, salvo andarsi ad impantanare sull'ipocrita era Hybrid, realmente sostenibile solo dai grandi costruttori.

lemans-24-hours-of-le-mans-test-day-2014-14-porsche-team-porsche-919-hybrid-1-audi-sport-t.jpg

Ora si è alle porte delle Hypercar (che ancora nessuno conosce e nessuno ha visto), per me, riedizione, in salsa "terzo millennio" , della categoria silhouette .

FLjqcW1WSxmSRSMAbrm3iw?w=500&h=281&fm=pjpg&auto=compress&fit=crop&crop=faces

Forse Le Mans riuscirà a conservare il fascino di sempre. La TV "iper-reale" banalizzerà probabilmente lo spettacolo ma - per me - è sempre meglio della (davvero) stupida Liberty Media F.1. , oramai costosissima macchina ridicola per play-station , finta sino all'inverosimile, poichè chiaramente acquistata in toto, compresi "sceneggiatori", giudici, e Todtini vari.....dalla Mercedes (che se la è comprata con la complicità del buon "Zemolo"..... e Marchionne lo ebbe a capire subito, defenestrandolo)

605300dd-7c52-42f6-b10a-f6386101bf75.jpg?interpolation=progressive-bicubic&output-format=jpeg&output-quality=90%7B&resize%7D

Ma davvero si pensa che solo Mercedes sa fare una formula uno imbattibile?

Che Ferrari, Renault, Honda non sono capaci di fare delle formula uno vincenti?

Ma nessuno capisce che il segreto della Mercedes sono unicamente le gomme Pirelli fatte apposta – solo – per funzionare sulle formula uno realizzata a Brackley (formula uno tutta inglese, con moneta alemanna) spacciata per germaniche frecce d’argento?

Nessuno ricorda che lo scorso anno Mercedes fece di tutto per far cambiare a Pirelli le gomme che andavano bene sulla Ferrari che buttò il titolo dalla finestra (stupidaggini di Vettel a parte)?

Nessuno si accorge che la stessa struttura/dimensione della formula uno di oggi (con carreggiate, gomme ed ingombri enormi) è studiata per rendere strettissimi la larghezza dei circuiti e impedire i sorpassi.

Basta che parti primo e...... chi ti potrà sorpassare...

4518623_1044_f1_gp_monaco.jpg

Nessuno si accorge – nemmeno i media che fanno parte del sistema Mercedes - che l’emblema della stella a tre punte ha pianificato (sette anni addietro) a tavolino (acquisto di Hamilton compreso, che ha decretato il tramonto Mc Laren) l’invincibilità dell’intera era power-unit per far dire poi di abbandonare (al fisiologico cambio di regolamenti) perché si è vinto tutto quello che c’era da vincere?

Ecclestone, che per motivi anagrafici non poteva reggere ad aeternum il Circus, non avrebbe tollerato a lungo (pur essendo consapevole del progetto Mercedes) questo stato di cose, inventando sicuramente qualcosa…..

E poi che figura quel team radio di Hamilton in Canada, con la TV Liberty che inquadra immediatamente il box Mercedes con quel (simpatico furbone) di Toto Wolff che fa la faccia del sorpreso-dispiaciuto….

0610_spt_gp_toto-w.jpg

voVzDZIhdpr2_VTC4GLC6xQhxmvGRr_9O0hl9fyU_9m0okuB1MYzPi5O_pFpqRPl04-Yod1mcgodt10mnogkxQ=s750

Certo dall’altra parte...... c'è un certo.... Mattia “Pinocchio….

mattia-binotto.jpg

Lien à poster
Partager sur d’autres sites

Créer un compte ou se connecter pour commenter

Vous devez être membre afin de pouvoir déposer un commentaire

Créer un compte

Créez un compte sur notre communauté. C’est facile !

Créer un nouveau compte

Se connecter

Vous avez déjà un compte ? Connectez-vous ici.

Connectez-vous maintenant


×
  • Créer...