Aller au contenu
Logo Caradisiac      

Téléchargez nos application

Disponible sur App Store Disponible sur Google play
Publi info

TARGA FLORIO E LE CORSE SICILIANE


shortleg
 Partager

Messages recommandés

TARGAPEDIA-BANNER-FLORIO.jpg.f9f51d1a750291a1860cc988cc50742d.jpg

 

Ieri sera si discuteva amabilmente con Totò Battaglia e Salvo Manuli intorno alla Porsche 906 Carrera 6 con il motore 8 cilindri guidata alla Targa del 1966 da Colin Davis e Gunther Klass , la stessa vettura che successivamente Nino Vaccarella in coppia con Jochen Rindt condusse senza fortuna alla 1000 km del Nurburgring.

 

Quale fosse la cilindrata ? in che categoria era iscritta ? cosa la differenziava dalle "sorelle" 6 cilindri ? di che colore il cofano e i numeri.....

 

Mentre stavo ordinando le foto del 1966 mi sono balzate agli occhi alcune foto che posto (non dovrebbero essere inedite comunque) e ne approfitto per dirimere i dubbi che l'ottima pizza, la birra e la compagnia assolutamente piacevole e serena hanno lasciato aperti.....

 

La Porsche Carrera 6 n.224 aveva un motore 8 cilindri con ventola orizzontale da 2.200 cc. rispetto alle 6 cilindri che avevano la ventola di raffreddamento verticale e la cilindrata di 2000 cc.

Tutte le Porsche Carrera erano iscritte nella Categoria Sport Prototipi rispettivamente nelle classi oltre 2000 e 2000

Il cofano anteriore era sicuramente giallo ed i numeri dipinti in azzurro durante le prove .....

 

Val-224-(46).jpg.4e31b961615e28cfcff2946050f06f14.jpg

 

.......furono sostituiti con degli adesivi neri per la giornata della gara

 

224-(29).jpg.6b66674919f7eb08b47e02b41767592e.jpg

224-(31).jpg1..jpg.e933629178f721a2b689bb07240aacb2.jpg

 

L'ultima foto che voglio mostrarvi è veramente strana. Nonostante la prospettiva, la Porsche n.224 è indietro rispetto alla n.154 , quest'ultima appare più piccola, quasi che l'altra oltre ad avere il motore 8 cilindri fosse tutta più grande !

 

154-(28).jpg.b10bb1a2ab2b3f152bcf8470845041dc.jpg

 

logo.jpg.5039a90d3651d5522c048af6a121e971.jpg

ANNO-DI-FLORIPOLI4.jpg.bf2391868dbe1be403911b4c65a5a6cd.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Come promesso vi mostro il risultato dell'elaborazione dell'Alfa Romeo 33TT3 Edison 1/20.

 

Si tratta in parte di un O.T. perchè la versione, a mio avviso meglio confacente alle mie possibilità modellistiche, è quella della Sei ore di Daytona 1972, per la precisione la n. 7 condotta da Stommelen e Revson.

L'Alfa 33TT3, invece, rientra a pieno merito fra le protagoniste della Targa, presente solo in prova nel 1971, 1973 e 1974, grande protagonista in gara nel 1972, quando per una manciata di secondi Galli e Marko sfiorarono la vittoria.

 

Ho modificato profondamente il modello in particolare nella zona abitacolo, come potete notare nelle foto qui sotto, ho lavorato sul retrotreno aggiungendo i semiassi, non presenti sul modello, sostituendo i tubi di scarico, aggiungendo la batteria ed il telaietto reggi cofano con le luci posteriori.

 

Nell'abitacolo ho aggiunto la pedaliera, sostituito il volante, realizzato il cruscotto con la strumentazione e le relative spie, ho realizzato i sedili da una scatola Tamiya in disuso, aggiunto le cinture di sicurezza Willans, modificato radicalmente la leva del cambio, inserito dei fili di stagno per simulare la parte tubolare del telaio a vista, aggiunto, infine l'estintore.

 

Il roll bar è stato completamente rifatto, mantenendo soltanto le alette laterali e aggiungendo con del lamierino la profilatura aerodinamica studiata per Daytona. Lo specchietto retrovisivo si regge su tre spilli inseriti forando con il mini trapano il cofano anteriore. Ho realizzato lo scudetto Alfa sul muso sagomando del filo argentato.

Ho sagomato con del nastro isolante verniciato in rosso Alfa la parte prospiciente il piccolo parabrezza.

 

Forse ho dimenticato qualcosa...ecco il risultato:

 

Si partiva da questa base

 

1869536694_TT3002Forum.jpg1..jpg.e5bf90f49dc0b55d6531c826178e8975.jpg

 

Questo il modello elaborato:

 

1573041836_33TT3Daytona002-TP.jpg.b1c1f4406c316490b215a65bb2ff202d.jpg

 

1013045085_33TT3Daytona008-TP.jpg.bca6fc8a17be91fb8c6ba79f8533e6ff.jpg

 

701884342_33TT3Daytona009-TP.jpg.2896d5664c47f287ce340088e84e71c1.jpg

 

2127500617_33TT3Daytona010-TP.jpg.ccaab9542f657cc4effe21b304675b1e.jpg

 

124855446_33TT3Daytona011-TP.jpg.6338b5de2149f859bfedef32be6ada15.jpg

 

1027425108_33TT3Daytona013-TP.jpg.d4ab4ab2c240fcb6e85969892f6a7b57.jpg

 

1639128581_33TT3Daytona014-TP.jpg.d42ee5fde0591674a15c09e0152008a0.jpg

 

527307015_33TT3Daytona015-TP.jpg.0bb92f3f407e83593620f580bb314096.jpg

 

1176215304_33TT3Daytona016-TP.jpg.d7865768f395e504f5dae462a1f8f510.jpg

 

1125277581_33TT3Daytona017TP.jpg.fe3786809f8b7c0121643694f5bb4f47.jpg

 

984632437_33TT3Daytona018TP.jpg.3aff31655d20d951df5fd909c5e8c643.jpg

 

1622352738_33TT3Daytona-bis001-TP.jpg.70db70b69b24a91fa963e0e43a0f0db9.jpg

 

101037721_33TT3Daytona-bis005-TP.jpg.5b4452a5139b800efdade73f6fc6fb9d.jpg

 

Buona parte delle mie ferie natalizie sono state spese su questo modello,...spero ne sia valsa la pena!! :lol::lol::lol:

 

Un caro saluto

 

Piergiorgio

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

POUR LES AMIS FRANCAIS: voici la deuxième part d'une petite histoire de la Targa 1971, librement traite et traduite du livre "Targa Florio" de Salvatore Requirez...je m'excuse pour les erreurs de mon Français "macaroni"....la prèmière partie est à la page 985...

TARGA 1971: UN BIS VOULU

 

La course

 

A’ 9h 15’ du 16 mai 1971, la Targa Florio n. 55 commence.

Les pilotes chez Alfa sont tendus et concentrés ; les pilotes chez Porsche sont tendus et nerveux : il vont chercher la bagarre tout de suite pour établir la « leadership », soit en course, soit dans leur equipe (il y avait une terrible rivalité entre Siffert et Rodriguez, n.d.t.).

Pour l’Alfa le premier tour de conduite est pour les pilotes « leader » : Vaccarella, De Adamich et Stommelen, avec la stratégie déclarée de dominer tout de suite, mais sans risquer trop. Pour la Porsche, le d.s. Piech fa partir Larrousse, Rodriguez et Redman (ceci préféré à son associé Siffert pour éviter la lutte directe avec Rodriguez).

 

Le dèpart de Vaccarella..

355988186_5AlfaRomeo33-3NinoVaccarellaToineHezemans(50).jpg1..jpg.fa88bd2154e0bcdbb694b79e9be05ada.jpg

 

Et celui de Larrousse...

908.2.jpeg2..jpg.c997d2682cb25d688b60b2a728028a6f.jpg

 

Mais le résultat ne bouge pas: elle est immédiatement une bataille! Redman a bien compris les intentions de Rodriguez, qui veut aller en tête au plus tôt possible. Il est un qui ne lâche pas, et il y a les Alfas à tenir en respect. Et alors ? Pied droit bas. Chaque virage une inconnue : droite, gauche, accélérateur, freins. Les jambes de dix, cent, mille spectateurs semblent les pieds d’un seul mille-pattes appuyé sur le guard-rail . Un cordon que s’approche et s’éloigne à chaque courbe.

 

Pedro Rodriguez...

1547711888_4Porsche908MK03PedroRodriguezHerbertMuller(5).jpg1..jpg.be0116eb77aeb86cd03694c2c4c24810.jpg

 

...et Brian Redman à l'attaque....

1220650544_7Porsche908MK03JosephSiffertBrianRedman(4).jpg1..jpg.803b8f7da9d05c3b85ef4f8e576423be.jpg

 

Vaccarella engagè...

1866297985_5AlfaRomeo33-3NinoVaccarella-ToineHezemans(54).jpg1..jpg.0672b5b1eea0e42dafca5cc3093236d0.jpg

 

...encore lui...mauvaise photo, mais ça donne la mèsure de l'enthusiasme....

78345963_5AlfaRomeo33-3NinoVaccarella-ToineHezemans(132).jpg1..jpg.17ddb8253576417e477741d969ed145d.jpg

 

Après une dizaine de minutes du départ, Redman est à Caltavuturo (le point le plus haut du circuit, n.d.t.) : dans un lacet la direction se casse, peut être trop exploitée (mais les 908 étaient tristement connues pour leur fragilité, due à la recherche exaspérée de la légèreté, n.d.t), et il sorte de route. La 908 prends feu à l’instant. Le pilote est mis en sûreté, mais il a des brulures au visage et est emmené à l’hôpital avec l’hélicoptère. Quelque km devant, à peine sorti de Cerda, Stommelen (Alfa) avait cassé sa boite et s’avait retiré. Rodriguez, au contraire, marche comme un fou. Il sort de toutes les virages en dérapage, comme quand il courait sur les go-kart, et on murmure qu’il est en train de marquer un temps « monstre », en considérant le départ d’arrêt. Il est à l’entrée de Collesano (deux tierces du circuit, n.d.t.). Il pense que va commencer la descente vers Campofelice et Bonfornello, donc un peu de trêve pour boite et moteur, pas pour les freins…il se détend un moment. Dans le centre de Collesano une inscription géante est peinte sur l’asphalte : Viva Porsche. Sur celles lettres Rodriguez glisse, en heurtant un trottoir. Dans le cœur du fanatisme pour Vaccarella (Collesano l’a déclaré citoyen honoraire…n.d.t.) meurent les rêves d’un Rodriguez déchainé. Il reste à regarder tristement la belle « barquette » n. 4, désormais inutilisable. C’est la dernière Targa du mexicain….son copain Muller (qui lui prêtera la 512M sur laquelle il se tuera au Norisring quelque semaine plus tard) ne réussit même pas à faire un tour. Et dans le pays de Collesano, berceau des fans de Vaccarella, l’ovation initiale pour l’accident de la Porsche est suivie par les applaudissement pour le petit mexicain au casque gris métallisé avec bande noire, un des derniers héros des Madonies.

 

L'accident de Rodriguez

117963379_4Porsche908MK03PedroRodriguez-HerbertMuller(44).jpg1..jpg.50de264f564887cdb3df16e81f945419.jpg

 

Le premier tour se termine avec Larrousse (Porsche) en tête, pour quatre seconds, sur Vaccarella. Mais Nino bague un deuxième et un troisème tour fabuleux, les deux en peu plus de trente-quatre minutes (y compris un tete-à-queue avec l'aide de ses fanas, voir le dèbut de ce topic, n.d.t.) et prends la tete : il laisse la voiture à son coéquipier Hezemans.

2C.jpg1..thumb.jpg.5bc5a75e37c2cc5cb99b5630f39ce297.jpg

 

 

En même temps, sur la Porsche n. 8 de Larrousse (la seule survécue après le premier tour, n.d.t.) monte Vic Elford, un vrai as de la Targa, qui va comme une fusée et au cinquième tour passe en tête, tandis que au sixième marque un temps éclatant avec 33’ 45’’, un des meilleurs de tous les temps

 

Elford en action

908.3.jpg1..jpg.600bd8ec60eedac86ee583bbe4c783a7.jpg

 

(il faut remarquer deux choses : 1) Hezemans était bien moins rapide, soit que Vaccarella, soit qu’Elford ; 2) le record absolu du Petit Circuit des Madonies fut attribué à Leo Kinnunen, avec la Porsche 908 en 1970 en 33’ 36’’, mais il y a des doutes sur la véracité de ce record, car plusieurs experts et témoins parlent d’une erreur des chronométreurs…en effet, les temps de pilotes comme Vaccarella, Elford, Siffert, Rodriguez sur la distance de l’entière course étaient tous mieux que celui de Kinnunen…n.d.t.). Après Elford, Larrousse remonte en voiture avec un avantage considérable. Vaccarella commence son tour de conduite en poursuivant, mais l’avantage de Larrousse est perdu au septième tour à cause d’une crevaison qui lui contraint à se retirer…

 

Le moment dècisif de la course: la crevaison de Larrousse...

8Porsche908MK03Vic Elford-Gérard Larrousse(102)(1).jpg1..jpg

 

Larrousse essaye de changer la roue, mais quelque chose est cassèe...

8Porsche908MK03Vic Elford-Gérard Larrousse(104)(1).jpg1..jpg

 

Les Alfas n’ont plus des adversaires sérieux, c’est une lutte en famille, maintenant : l’adversaire le plus direct est Jo Bonnier, le mythique suédois Bonnier, vainqueur de deux Targas (’60 et ’63, Porsche), au volant d’une Lola Filipinetti, qui va terminer en troisième place après Vaccarella-Hezemans et De Adamich-Van Lennep. Van Lennep était, à la fin de la course, le pilote le plus en forme entre les Alfistes. Pendant le pénultième tour, il « boit » un minute entier à un Hezemans trop modéré…[]…Un signal « slow » exposé au passage du poursuivant arrête la lutte entre les Hollandais et garde la deuxième victoire de Vaccarella, qui avait commencé à s’inquiéter….

 

Van Lennep dans son "rush" final

1090147933_2AlfaRomeo33-3AndreaDeAdamich-GijsVanLennep(21)(1).jpg1..jpg.6e57fab4491568078e9c75084740b182.jpg

 

Enfin, une détonation : l’Alfa numéro cinq passe le poteau…et la joie des cinq cent mille peut exploser: c’est le triomphe d’un as de chez eux, dans une course attendue et soufferte. Les gens de Sicile, venantes de toutes les neuf provinces de l’ile, vivent un jour de pleine satisfaction. Tous les journaux du monde demain vont parler d’un sicilien. D’un palermitain vainqueur de sa Targa, de la course qui a une valeur affective sans d’autres confrontations dans son palmarès prestigieux.

 

L'arrivèe avec Hezemans..

1610155749_5AlfaRomeo33-3NinoVaccarella-ToineHezemans(138).jpg1..jpg.f80e8c1db55c2faeead75c2441962b65.jpg

 

...et les vainqueurs: Hezemans à gauche, Vaccarella à droite....

img028.jpg2..jpg.ce2b704838773091df879e9a652d16a1.jpg

 

MERCI POUR L'ATTENTION!

 

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Come promesso vi mostro il risultato dell'elaborazione dell'Alfa Romeo 33TT3 Edison 1/20........

Si tratta in parte di un O.T. perchè la versione, a mio avviso meglio confacente alle mie possibilità modellistiche, è quella della Sei ore di Daytona 1972, per la precisione la n. 7 condotta da Stommelen e Revson........

 

Un modello OT cosi bello merita un'OT altrettanto bello ! MINK...IA :lol::lol::lol::lol:

 

Queste alcune foto tratte dal mio archivio e scovate smanettando in tempo reale su internet... che cosa fantastica che è, da non crederci... W i motori di ricerca e chi li ha inventati !!!!

 

La partenza di una delle più classiche gare americane.... la 6 ore di Daytona

 

1972-DAYTONA-start.jpg.ae7e8b7b41d80e1fecbe46226736f052.jpg

 

Peter Revson il ricco pilota americano, la sua famiglia era proprietaria della Revlon cosmetici, fotografato con il compagno di scuderia Andrea De Adamich

 

7-4.jpg.901b4a400f223df06c5019fb79928928.jpg

 

....e durante le prove....

 

7-2.jpg.941454898c385b1648a73a090a1178ed.jpg

 

7-1.jpg.f6b269afbcc73e72f9a80a8256f7de41.jpg

 

7-3.jpg.f038370e09bd6fc6049c810e5c1c896f.jpg

 

.....ed in gara durante il cambio con il suo compagno Rolf Stommelen

 

7-8.jpg.491498ba8d6742c74d9c3c2724e836e5.jpg

 

La seconda 33 TT 3 affidata ad Helmut Marko........

 

7-7.jpg.058bb16d44d33826773870ef108c2432.jpg

 

...e a Vic Elford tallonato dalla Ferrari di Romnnie Peterson

 

33-tt3-n.5-elford-daytona-1.jpg.918dd2a7e9eb0ade73bbf23bcadaa7ba.jpg

 

Una foto anche per il nostro amico Nanni , alla guida della "vecchia" 33 condivisa con Andrea de Adamich

 

7-9.jpg.c286fd6cfb1ab63caf0dd227ca3c29f8.jpg

 

33-tt3-n.7.jpg.48c90e5a9be886ccf1810b5ed7e28ead.jpg

 

Per la cronaca la gara fu vinta dalla Ferrari di Mario Andretti e Jacky Ickx .

 

7.jpg1..jpg.3fceac836b12a7014d25546412788692.jpg

 

Una curiosità per chiudere l'OT : Peter Revson era sotto contratto Goodyear ed era obbligato a guidare esclusivamente auto con queste gomme. Per tale motivo l'Alfa Romeo n.7 montava le Goodyear mentre le altre 33 calzavano le Firestone. In seguito l'Alfa concluderà la stagione proprio con la Goodyear, cercando anche con questa scelta di raddrizzare una stagione deludente . La Ferrai le confezionò un cappotto sportivo cocente, che da vecchio alfista mi brucia ancora.

A proposito di gomme, la Ferrari che con le Firestone penava in Formula 1, e le gomme erano tra le imputate, nel Marche volava, grazie anche ad una macchina eccezionale e ad una squadra di piloti fortissimi.

 

In ogni caso i complimenti più sinceri al "modellista di Targapedia" Spazzaneve :jap::jap::jap::jap::jap::jap::jap::jap:

 

logo.jpg.d87ba120d7d02ceff5e5b0acc6254320.jpg

ANNO-DI-FLORIPOLI4.jpg.41f6edb78c453a9ee3ccdc655044f06f.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Ricevo questa sera da Luigi Pulcini e sento il dovere di condividere con tutti voi :

 

1-q.jpg.19b3621b784539b77a8da2047b2bf68c.jpg

 

Carissimo Enzo, sono io a ringraziarti per avere dato questa evidenza all'articolo pubblicato da "Icaro" .

Per quanto mi riguarda questo è un modesto contributo teso a divulgare la saga dei Florio e della leggendaria Targa voluta da un personaggio carismatico come Vincenzo Florio. Credo che la Sicilia nord-occidentale abbia a disposizione una risorsa che potrebbe sicuramente consentire sviluppo economico ed occupazione soprattutto in un momento drammatico come quello che stanno vivendo coloro che lavorano alla Fiat di Termini Imerese.

La formula di un ecomuseo diffuso sul territorio attraversato dalla targa, che consenta di coordinare le belle iniziative intraprese nelle località attraversate dalla targa, mi sembrarebbe valida: credo che ogni anno sia già molti coloro che arrivano a fare le vacanze in Sicilia che dedichino almeno una giornata, come ho fatto io, per percorrere i 72 chilometri del piccolo circuito e senza che questo meraviglioso itinerario (che evoca un'epoca del motorismo sportivo ma è anche paesaggisticamente rilevante) non sia adeguatamente evidenziato e promosso.Mi immagino che se esistesse almento una segnaletica adeguata, una cartellonistica che evidenziasse con immagini quello che era Floriopoli, l'attraversamento di Cerda, il bivio di Caltavuturo, il tornante in ingresso a Collesano, l'attraversamento di Piazza Garibaldi a Campofelice di Roccella, un giorno qualsiasi di una qualsiasi Targa Florio tra gli anni sessanta e settanta. questi sono gli elementi che compongono un ecomuseo o un museo del territorio della Targa Florio: la memoria dell'entusiasmo che circondava una manifestazione popolare unica.

Poi il recupero di delle strutture di Floriopoli dove sarebbe auspicabile che confluissero tutti i musei "indoor" esaltando le peculiarità di ognuno , ma dove fare strutture ricettive, dove fare un bookshop e un centro per la promozione commerciale di prodotti tipici, uno spazio multimeniale dove evidenziare e divilguare il patrimonio documentale raccolto attraverso il forum e da targapedia. E niente toglierebbe di fare un itinerario turistico esteso ai Florio: alla tonnara di Favignana, alle ville di Palermo, alle imprese ed alle opere pubbliche realizzate da questa dinastia di imprenditori.

Un caloroso grazie di cuore. Ci risentiamo.

Luigi

 

1-p.jpg.debf4fa1ee514634a64650ae62f75d90.jpg

 

Grazie Luigi. :jap::jap::jap:

 

logo.jpg.59b50587aa25e22d009e8a54cf410863.jpg

ANNO-DI-FLORIPOLI4.jpg.0042625daf29531a75d56d785223e3ae.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Carissimo Enzo, sono io a ringraziarti per avere dato questa evidenza all'articolo pubblicato da "Icaro" .

Per quanto mi riguarda questo è un modesto contributo teso a divulgare la saga dei Florio e della leggendaria Targa voluta da un personaggio carismatico come Vincenzo Florio. Credo che la Sicilia nord-occidentale abbia a disposizione una risorsa che potrebbe sicuramente consentire sviluppo economico ed occupazione soprattutto in un momento drammatico come quello che stanno vivendo coloro che lavorano alla Fiat di Termini Imerese.

La formula di un ecomuseo....

 

E che c'è da dire di più? A parte un sentitissimo "GRAZIE" a Luigi Pulcini (e ad Enzo Manzo - lui c'entra sempre - che ce lo ha fatto conoscere), vedete come siamo messi? la realtà e la logica sono così evidenti che anche un appassionato esterno ha ben compreso ciò che si potrebbe fare...

 

Ma i Sindaci dei paesi interessati, la Provincia (almeno per ora...), la Regione, i politici......UNA INCREDIBILE MASSA DI SORDOCIECHI, CHE PER COMPENSARE L'HANDICAP PARLA, MA QUANTO PARLA.....o forse non sono sordociechi? L'estate scorsa ho portato i miei bambini al Parco Avventura delle Madonie, appena fuori Petralia Sottana, verso Piano Battaglia...una cosa carinissima che raccomando a tutti, specie alle famiglie, gestita da una cooperativa di giovani...così ben organizzata (almeno allora...) da non sembrare siciliana....bene, parlando con loro vengo a sapere che glie ne hanno combinate di tutti i colori per ostacolarli...capito? Forse non è sordocecità....ma non so quale sia la peggiore delle ipotesi...

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Invité §cat115pj

Cari amici del topic,

da diversi mesi collaboro con Luigi Pulcini, un vero e disinteressato appassionato della Targa, anche lui dotato di una buona vena artistica come potrete notare in seguito.

Luigi mi ha chiesto, anzi ha chiesto al Forum la collaborazione per potere illustrare un articolo dedicato alla Targa Florio e ad una testimonianza di Mauro Nesti pubblicato nel numero di dicembre 2009 della rivista "Icaro" , periodico di attualità e cultura del circolo aziendale Breda

 

Credo che la nostra collaborazione sia stata più che positiva, un altro tassello nell'oipera di divulgazione e di memoria della Targa Florio, un altro importante amico , Mauro Nesti, del Forum della TARGA FLORIO.

 

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/798180/IMG_0001.jpg1..jpg

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/798180/Icaros-1.jpg

 

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/798180/1-d.jpg

 

 

Mio caro Enzo , quando sono arrivata al Forum pensavo che tutti voi ( o quasi tutti ) erano " affabili vecchi " in pensione senza nulla ( o quasi nulla ) da fare , che solo ricordavano la Targa come un vissuto personale.

Poi ho conosciuto un po più ... ed ho capito il mio sbaglio è ... che sbaglio!!!!

 

Tutti voi fate un grande lavoro, un grandissimo lavoro per fare conoscere la Targa ed anche attraverso la Targa ... i Florio ... la Sicilia.

 

Io, come tanti altri che leggono il Forum , non so nulla di Targa ... appena il bel ricordo della passione del mio nonno è ... poco più.

 

Qui posso leggere , qui posso parlare ( anche dire quelle cose che incominciano con ca ... o min ... ) senza essere giudicata, qui posso ricordare tanti aneddoti che mi raccontava il mio nonno, ricordare anche foto che ho visto accanto a lui , ma sopratutto posso imparare di Targa, posso imparare di cosa c'è essere siciliano, posso imparare della Sicilia, della gente che la ha fatto grande ed ... ancora la fa grande ... come voi.

 

Non solo gli eroi, non solo i grandi fanno grande una terra ... anche la gente " normale " ... la gente che fa conoscere la sua terra, la sua eredità, l'orgoglio di appartenere alla sua terra è lavora tutti i giorni senza fare rumore.

Voi siciliani avete una grande terra ... una grande eredità ... forse non lo sai ma il lavoro che fai qui anche nella Targapedia ecc. è un grandissimo lavoro per la vostra terra.

 

Domani, forse, nessuno ricordará Enzo ... Salvo ... Fofaus ... Pino ... Bepvit ...ecc. ma restarà il ricordo del vostro lavoro .... uniti ... insieme ... un lavoro che trascenderà i nomi è le piccole cose degli piccoli uomini.

Io ringrazio a te ed attraverso di te a tutti quelli che sono parte del Forum ... a tutti quelli che sono stati parte del Forum è che lo saranno domani.

 

Grazie a te ... a tutti ... chiedo scusa ancora per il mio italiano ... :non: ma credo che quando parla il cuore ... tutto se puo capire.Con affetto ed amicizia.Caterina. :love::love::love:

 

AMICIS QUALIBET HORA ( PER GLI AMICI , QUALSIASI ORA )Vincenzo-Florio-(3).jpg.684b294e12258cbe8f001d239b8bef10.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/shared/forum/m [...] -copia.jpg

 

.......... per Cuma su TARGA RALLY.... Buon Lavoro :jap: :jap: :jap:

 

TARGA RALLY

 

 

 

 

Grazie Targapediagemellimanezemans...

 

Solo che ti prego di smetterla con le provocazioni...

 

Perchè hai postato le foto della stratos alitalia con l'albarella dietro e accanto...??

 

E ora...??

 

Pultroppamente è doveroso fare il modello dell'albarella...

 

Ho letto l'elegante donna inglese...!!..........finemente insidiosa...!!

 

 

88551057_img03220copia.jpg.047f2baf3f18775fc28150ea23034215.jpg

 

 

 

 

imagesCABC1KYQ.jpg2..jpg.5875b4065f36832fd110ae1b3d891cba.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Invité §par706xB

POUR LES AMIS FRANCAIS: voici la deuxième part d'une petite histoire de la Targa 1971, librement traite et traduite du livre "Targa Florio" de Salvatore Requirez...je m'excuse pour les erreurs de mon Français "macaroni"....la prèmière partie est à la page 985...

TARGA 1971: UN BIS VOULU

 

La course

 

A’ 9h 15’ du 16 mai 1971, la Targa Florio n. 55 commence.

 

 

 

Le dèpart de Vaccarella..

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/508134/5AlfaRomeo33-3Nino VaccarellaToineHezemans(50).jpg1..jpg

 

...et Brian Redman à l'attaque....

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/508134/7Porsche908MK03Joseph SiffertBrian Redman(4).jpg1..jpg

 

SI PREGA ALMENO di CITARE LA FONTE (siamo alle solite!) Grazie!

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

.......(siamo alle solite!) ..........

 

Caro parapò

 

non me ne volere e non ne volere all'amico Bepino.... piuttosto oltre alla tirata d'orecchie un ringraziamento per il lavoro di traduzione e di impaginazione (che come sai richiede molto più tempo, e noi ancora non siamo felici pensionati... , del semplice botta e risposta che trovi sui normali forum o su facebook) fatto per i nostri cugini francesi da Bepino sarebbe stato oltremodo gradito.

So e apprezzo moltissimo quanto stai facendo per la diffusione della Targa Florio all'estero... a proposito quando è che mi mandi la copertina e qualche scansione del tuo ...mitico... libro in japanese per recensirlo su targapedia ? , quindi mi aspettavo anche un bravo per Bepinovit....

 

In ogni caso il ragazzo non ha colpa alcuna. Egli ha tratto le foto da Targapedia e ahimè il 1971 lo avevo impaginato e postato da Parigi, dove non ho avuto modo di controllare e di loggare le foto tratte dal "Mito" ... rientrato a Palermo me ne scordai.....

 

2031576046_LINETTI1.jpg4..jpg.dfefb7cf4ee1fb3d85dcc8567765e523.jpg

 

...ma ho già rimediato.

 

In compenso , grazie all'azzeramento momentaneo delle immagini di targapedia operato da Flickr , tutte le Photogallery reinserite , dal 1977 al 1967 dal 1950 al 1948 e quella del 1953 sono state opportunamente loggate con particolare attenzione alle foto scansite o comunque tratte dal "Mito".

 

Colgo l'occasione per ridare a te, all'editore e ai "fotografi" il giusto merito :

 

866230708_7).jpg.3c3ba85d711bf5ad7af715f90cbbe993.jpg

 

Ho ora una domanda per te : questa foto che ci hai segnalato, non appare sul "Mito" , credo però sia apparsa sul retrocopertina di Autosprint in un fotomontaggio che vedeva in alto l'Ing.Chiti con Vaccarella ed Hezemans e da la è stata tratta. Purtroppamente non riesco a trovare l'immagine originale...chissà se qualche anima pia... lo stesso Kinnunen con la sua bellissima ed uinica Biblioteca potrebbe aiutarmi.....

 

57163252_5AlfaRomeo33-3NinoVaccarellaToineHezemans(50).jpg1..jpg.a083139b5d2126d3060738fb15d6dfa8.jpg

 

indistintamente :jap::jap::jap::jap:

 

logo.jpg.0e7953ca871d04d83dc0c00a9c39d2e1.jpg

ANNO-DI-FLORIPOLI4.jpg.812a1be86f1ef308940cdfbf6bc71c3c.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

 

11871115_prossim2028.jpg.53d781550e072bd731ee69a0e85cd517.jpg

 

In attesa di iniziare a parlare della Targa del '28, vi voglio proporre un sarcastico racconto apparso sul numero unico di quell'anno...

 

IL CORRIDORE INDIGENO

 

Per noi il " corridore indigeno" è il più interessante, appunto perchè forse, non interessa nessuno.

Il corridore indigeno è quel dilettante d'automobilismo, che ha atteso il giorno della Targa sin dall'indomani della disputa della Targa precedente; è quell'inconsciente appassionato di motori che ha deciso la sua partecipazione alla Corsa, in un caffè, davanti una tazza di medesimo e con la scorta consiliare di un amico geometra e di un "ancora caldo" conoscente professore di disegno; è insomma quel tipo ricercato e ascoltato in tutti i garages di terz'ordine e che ha vinto la corsa prima di correrla.

Lui conosce bene il Circuito: perchè uno zio di suo padre ebbe tante volte ad invitarlo a colazione, in quella sua fattoria tra Caltavuturo e Isnello e perciò non gli rimane che da fare ancora pochi assaggi per alcune curve; il che dovrà servirgli, anche, da argomento tecnico, nelle giornate della

vigilia, con gli altri corridori veri, nella sala da pranzo dell'albergo di Termini; parlerà anche di candele, che le migliori sono quelle che usa suo zio prete, davanti il quadro di S. Giuseppe e di carburatori Pallas che non è poi una balla, ma una cosa molto seria...

E adesso che abbiamo conosciuto il tipo, seguiamolo un po' da vicino.

Il"corridore indigeno" è ricco di tutto: di amici claqueurs, di immaginativa, di occhialoni Merowitc (quattro paia) ma giammai di rifornimento.

Possiede nulla o quasi: quello che ha, glielo hanno imprestato. Ed è qui tutto il suo valore incompreso. Diamine! Ci vuol poco vincere la Targa quando si ha un esercito di meccanici, un magazzino di ruote di ricambio, un lago di Garda di benzina! Il « corridore indigeno» invece, è capacissimo di proseguire, in caso di panne di benzina, spremendo i guantoni già lavati otto volte...

Il meccanico del Nostro è sempre un caro amico, che, con bella evidenza non si intende di automobilismo,tanto vero che accetta a farsi condurre. Questo giovane ultra valoroso sa che i cilindri hanno un certo numero e che perciò le vetture si chiamano la "quattro cilindri» e la "sei cilindri "ecc.; per di più il turbo compressore non lo turba affatto e in quanto a meccanica applicata egli conosce semplicemente la maniera di tirare il copertone senza sporcarsi le mani.

Quanto basta per arrivare...a partire.

 

Ecco una serie di momenti emozionanti dello corsa dell'indigeno:

- Siamo fermi.

- Me ne accorgo! (E' il meccanico che parla).

- Siamo fermi per un guasto.

- Lo so. Tiriamoci in là, che si avanza un concorrente...

- Chi è? - Non lo conosco. Non ci siamo presentati... Eccolo che arriva... Una macchina rossa... aspetta... è qui...

(Passa un bolide: un pezzo di fuoco che guizza)

I due, a coro: - L'hai visto? Era Materassi!

- Perdiana... ma se è partito prima di noi! Lui ha il 7 e noi il 24!

- Vuol dire che lo abbiamo sorpassato! Fai presto... Almeno il secondo posto l'abbiamo assicurato!

Tutto è riordinato alla meglio. I due amici riprendono la corsa, sempre cullati dall'illusione, trovarsi alle calcagna dell'invitto Materassi. Ma, a cento metri dalle Tribune, apprendono la terribile verità, per la bocca di un amico pietoso: tutti sono al terzo giro... e loro finiscono appena il primo!...

 

:jap::jap:

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

PER PARAPOS (che se ho ben capito, prima si firmava Whitaker...perchè questo cambio?): confermo quanto già detto da Enzo Manzo, io ero totalmente ignaro della fonte...ma mi scuso lo stesso....

 

Ringrazio Enzo per la difesa della mia opera...ma comunque non ci rimango male più di tanto....questo post sul '71 in francese, come già detto, l'avevo preparato per il mio topic modellistico sulla 33 di Vaccarella, mi sembrava uno spreco non metterlo pure qui....mi bastano i calorosi ringraziamenti degli amici modellisti francesi, molti dei quali hanno candidamente ammesso di non conoscere la Targa (i più giovani) o di conoscerla di fama ma non nella sua essenza (i meno giovani)...e anche i più esperti hanno gradito...Così come mi basta avere ricevuto (come sanno Enzo e Shortleg) una e-mail personale di ringraziamento dal ns. illustre membro Carter Hendricks per un mio post precedente sull'edizione 1930, in inglese...

 

Il fatto che certe iniziative (che sicuramente sono alquanto...naif) qui trovino spesso un'accoglienza "freddina", o che talora se ne colgano solo eventuali aspetti negativi e/o punti deboli, dipende sicuramente dal fatto che qui ci troviamo in un "sancta sanctorum" di esperti e memorie storiche...cosa può rappresentare un raccontino a gente che ha scritto libri interi sull'argomento? E' come quando in un circolo di modellisti "scafati" si porta un modello nuovo e ben fatto...fra profani o principianti i commenti sarebbero subito entusiasti...fra "vecchie volpi" l'occhio cade su difetti ed inesattezze....

 

Ma nel caso dei post sulla Targa, se possono servire a farla conoscere anche solo ad uno di più, lo "spoizzo" non sarà stato vano...

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Invité §par706xB

PER PARAPOS (che se ho ben capito, prima si firmava Whitaker...perchè questo cambio?): confermo quanto già detto da Enzo Manzo, io ero totalmente ignaro della fonte...ma mi scuso lo stesso....

 

Ringrazio Enzo per la difesa della mia opera...ma comunque non ci rimango male più di tanto....questo post sul '71 in francese, come già detto, l'avevo preparato per il mio topic modellistico sulla 33 di Vaccarella, mi sembrava uno spreco non metterlo pure qui....mi bastano i calorosi ringraziamenti ......

 

 

Mi sono dovuto riiscrivere Pàrapos per motivi tecnici dovuti al portale .

Ho voluto sottolineare la mancanza di riferimento dell'immagine (come ho già fatto in passato [vedi l'utilizzo commerciale dell'immagine di Shortleg relativa al volto di van Lennep ,ad opera di una casa di abbigliamento olandese] ) per un fatto di rispetto nei confronti dell'autore ,Francesco Cassar, e dell'editore .

Non ci si deve risentire , per questo. Immaginiamo le cose al contrario , forse ci si renderà conto della congruità del rilievo.

Per il resto : ben vengano tutti i lavori , le opere e quant'altro serva per la conoscenza della nostra Corsa , purchè abbiano il carattere dell'originalità.

Non me ne volere , Bepvit! Accetto la tua buona fede . Continua a fare quello in cui credi e con la passione che anima tutti noi.

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

A partire dalle 8 di sabato 9 gennaio 2010 nel Circuito di Torretta (o Autodromo Piana dell’Occhio), alle porte di Palermo, si terrà il 1° Historic Porsche Meeting organizzato dal Guagliardo Historic Porsche Team. Alla manifestazione interverranno diversi piloti di ieri e di oggi, accompagnati da tutti gli appassionati che vorranno essere presenti alle gare e agli eventi collaterali che si svolgeranno nell’arco della giornata.

 

Sfide ad eliminazione diretta, esibizioni, proiezione di filmati e tanto show all’insegna del divertimento e del sano sport, un vero e proprio evento fortemente voluto dall’esperto preparatore palermitano Mimmo Guagliardo, che ha dichiarato: “Sarà una festa che ho deciso di realizzare sia per chiudere in bellezza un anno ricco di successi che per iniziare a lavorare alla nuova stagione“.

 

Mi permetto di postare qualche mia foto, fatta stamane al Circuito di Torretta (Piana dell' occhio) Pa, come mio piccolo contributo a Nino Vaccarella....che insieme ad altri piloti di Targa Florio, (Barba, De Luca, Carrotta, Montalto, F. Mannino ed altri), hanno battagliato, con invariato "smalto Agonistico", sul circuito Palermitano, in un freddo, ventoso e piovoso Sabato di Gennaio.

Il nostro Preside Volante...ha fatto chiaramente capire a tutti gli altri piloti, anche molto più giovani, che la classe e classe....è non ce storia per nessuno, anche alternandosi con auto differenti.

GRANDE il nostro NINO VACCARELLA

 

p.s. tutti conoscono il Ns. Forum Targa Florio, siamo seguitissimi....

Saluti da Totò Battaglia, Marco Savioli, Davis, Franco Mannino e tanti altri piloti che ci seguono

Gianni Petta, Peppe Salerno e Salvo Manuli k :jap:

 

4.jpg12..jpg.8801a223ef234769b9eecf741186ae70.jpg

 

2.jpg18..jpg.7f69aa197998a272676ee2c191cbc5b9.jpg

 

2021531451_2ok.jpg.9368f7353275572f2b46ed9c3132a18e.jpg

 

6.jpg8..jpg.02e1c90ce152d2a44b26473d7866e2a3.jpg

 

5.jpg7..jpg.4fe8276c2b00cd665ca6f900110d61a1.jpg

 

8.jpg4..jpg.caad813485a34b23299ed059c3a63c08.jpg

 

2045087778_VaccPO.jpg.b9c00e0bd5209e6c2fec542ed41cc202.jpg

 

7.jpg5..jpg.775adc31d2ea71bfd344176eef03da50.jpg

 

1315621006_P1090022copia.jpg.28803493e214198a3bafbbf08d3b3586.jpg

 

12.jpg2..jpg.a5bb83cfb4f24a456a2b65899644f4c8.jpg

 

10.jpg.0c7971ff6ac3a632a3a52f0171079618.jpg

 

:love: Dimenticavo.... :love:

 

modelle.jpg.90e75f6c081f132203250d7622b4ac6d.jpg

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

......................

Il fatto che certe iniziative (che sicuramente sono alquanto...naif) qui trovino spesso un'accoglienza "freddina", o che talora se ne colgano solo eventuali aspetti negativi e/o punti deboli, ...............

 

 

Dopo soli due anni e mezzo di matrimonio... di solito non capita (ma può capitare di molto peggio !);

qui, da un bel pò di tempo in qua siamo piuttosto "freddini"... qualsiasi argomento si affronti.

Me ne ero più volte lamentato, non c'è amore ed entusiasmo, il tutto viene guardato con distacco, e soprattutto è raro che qualcuno prenda una iniziativa (come ha fatto Bepvit) per parlare in qualche modo di Targa.

 

Il topic ha preso da tempo la brutta piega di andare avanti per inerzia fidando sulle solite iniziative dei soliti noti...

tutto è scontato, come in una coppia che si frequenta da tempo ed ormai ha poco da comunicare o da risvegliare entusiasmi e/o sorprese...; continua a mancare il dialogo..., si ha l'imbarazzo di esprimere il proprio punto di vista, e si cade inevitabilmente in una noiosa routine...

 

Manca anche "nuova linfa"... e i superstiti frequentatori si sono assai ridotti nel numero; ma la naturale selezione era prevedibile e nella normalità di un forum...

Dipende solo da noi riuscire a stimolare e suscitare nuovi interessi...; la storia della Targa e ricordo anche del Giro, non è affatto finita, e come i film cult può meritare spesso una più attenta rivisitazione.

 

:jap::jap:

 

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Salve a tutti.Guardate cosa ho trovato in giro per internet in cerca di foto della 33 daytona del 68/69.

2130932619_1968220.jpg.574f9bed65f6b9b610960f80521492ef.jpg

la 33 di Vaccarella ai box nel 68

2029395241_220resta.jpg.c3ec21a4f506ab301edd5e7f75c6c20d.jpg

la stessa restaurata nel 2008

1643814544_220rest.jpg.07546d41fcaaa6f0c7c8d56bab747a18.jpg

i numeri dipinti a pennello come alla targa

2033185357_22066906.jpg.a4b000b02bf7aee2addc5497e6d4d26e.jpg

la porsche 906 del 66 alla targa

236652711_22066rest.jpg.ca947c95cd02726cbb9c722942b2f9d3.jpg

la stessa ai giorni nostri restaurata perfettamente

951273700_66220rest.jpg.645fe6736f41fc3888073322824e5cf0.jpg

nata verde non ha mai cambiato colore.

La 33 e l'unica ad avere montato un 2500 nel 68 e nel 69 alla targa per il Professore finito di correre fu venduta al Principe Karim in

Angola dove venne dimanticata per tanti anni a causa delle guerre interne divenne tana per serpenti e motivo di gioco per i bimbi

del luogo prima di essere riportata in europa.La 906 acqistata da una scuderia inglese nel 66 ha sempre avuto la livrea VERDE a corso

tutte le gare del mondiale del 66 ed e rimasta sempre in europa.Tutto questo compreso le foto di tutto il restauro di entrambe le auto

lo potete ammirare sul sito WWW.ThomasVintageMotors.

A tutti una buona visione sperando un giorno di poterle vedere di presenza.

A presto Andrea Targamaniac

P.S. Bepvit fai una visitina a questo sito lo troverai interessante.

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

https://aws-cf.caradisiac.com/prod/mesimages/504077/220 resta copia.jpg

...fari, finestrini laterali, prese d' aria anteriori e laterali, fari, tergicristallo, tettucio

spoiler ant....non è Targa, è Tarocco!

.......................

 

 

Semplicemente non è la Tasmania della Targa ma una 33/2000 coupè col numero similtarga...

 

Piergiorgio non vuole riprodurre (in modellino) la 33 TT alla Targa perchè la base in suo possesso richiederebbe troppe modifiche (fattibili)... ed un collezionista di gioielli veri chissà per quale motivo sceglie di riprodurre il modello sbagliato...!

 

:??::??::non::non:

 

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Pino scusa se insisto ma credo che questa sia l'unica a montare un 2500

tasmania poi il propietario a fatto un mix tra il 68 ed il 69.La carrera 6

invece e bella come allora.Enzo ripeto tentativo di corruzione fù!!

poi Gianfranco mi disse se non te lo offrivo io u "pitturi si calava tutti"

si piazzò vicino al vassoio e non si mosse più fino a quando non ci mise

la parola fine!.....Manciatariu!!!

Targamaniac

Lien vers le commentaire
Partager sur d’autres sites

Créer un compte ou se connecter pour commenter

Vous devez être membre afin de pouvoir déposer un commentaire

Créer un compte

Créez un compte sur notre communauté. C’est facile !

Créer un nouveau compte

Se connecter

Vous avez déjà un compte ? Connectez-vous ici.

Connectez-vous maintenant
 Partager



Histoires du sport automobile
×
×
  • Créer...